La Passalacqua a Vigarano, una trasferta da non sottovalutare

Deborah Gonzalez saluta Ragusa

Andiamo ad affrontare una squadra che è in fase positiva e di crescita, nella gara d’andata Orrange non era al meglio e Ostarello non aveva giocato, quindi avevamo incontrato una formazione che non era al completo, e immagino, anche dalle partite viste, che ci troveremo di fronte una gruppo molto bene organizzato e agguerrito“. Maurizio Ferrara, assistant coach della Passalacqua Spedizioni Ragusa, presenta così il match che vedrà impegnata la capolista siciliana contro Meccanica Nova Vigarano. La squadra allenata da Marco Savini (ex allenatore della Passalacqua ai tempi della A2) non è avversario da sottovalutare, considerate le vittorie messe a segno contro Napoli e Parma e che equivalgono ad un bottino di due risultati utili ottenuti su tre incontri giocati dopo l’inizio del girone di ritorno. Nelle sue ultime apparizioni Vigarano ha perso solo contro la capolista toscana del campionato, ovvero Lucca, e giocare in casa potrebbe galvanizzare le ferraresi.

C’impegneremo per mettere in campo una buona prestazione – ha fatto sapere la Passalacqua – mantenendo alto il ritmo, cercando di contenere le sfuriate della squadra avversaria”. 

In casa Vigarano la partita contro Ragusa è considerata proibitiva, praticamente già scritta, ma ci si aspetta molto dalla spinta del pubblico dal PalaVigarano e dalla volontà di ogni singola giocatrice. Nel gruppo che oggi affronterà la Passalacqua ci sarà anche Giuditta Nicolodi, rientrata dopo un infortunio, mentre le padrone di casa aspettano ancora il completo recupero di Jomanda Rosier.