A2 playoff, gara 1. Agrigento supera quota cento punti, Bologna ko

Agrigento - Bologna
Agrigento - Bologna

DAL NOSTRO INVIATO. Agrigento.

Clima infuocato al PalaMoncada sia per la temperatura interna oltre i 25 gradi che per le parole dello sponsor di Bologna che hanno infiammato il tifo locale nei giorni che precedevano questa partita. Palasport gremito ma non interamente pieno con una trentina di tifosi ospiti della Fossa che applaudono lo striscione dei tifosi di casa “Chi da noi con i canotti arriva, spesso muore. Rispetto”. 

Agrigento e Bologna schierate durante l'inno nazionale
Agrigento e Bologna schierate durante l’inno nazionale

CRONACA: Boniciolli va con Legion, Ruzzier, Raucci, Knox e Mancinelli, Ciani sceglie Piazza, Evangelisti, Chiarastella, Bell Holter e Buford. Primi due punti di Knox, poi pregevole palombella di Ruzzier per lo 0-4, Agrigento sembra un po’ soffrire il clima playoff, poi Chiarastella sfruttando il piede perno trova il fallo di Knox e con un libero sblocca il tabellino di Agrigento. Mancinelli sfrutta la sua stazza per prendere posizione e causare la prima penalità di Evangelisti, un rimbalzo offensivo consente a Legion di siglare da fuori il 1-7 poi è proprio il giocatore toscano a sparare da sette metri il canestro del 4-7. Applausi del PalaMoncada per Buford che vola a rimbalzo, poi si tuffa per recuperare il pallone sporcato dagli ospiti. Agrigento torna a contatto con due liberi di Evangelisti, contropiede che vede Evangelisti accoppiato con Ruzzier che deve soccombere ai centimetri del giocatore di Montevarchi, botta e risposta fra Knox e Buford, stoppata fallosa su Knox che va in lunetta e ne mette uno (10-10). Buford si incunea sotto i tabelloni e pur sbagliando l’appoggio fa commettere il secondo fallo a Knox quando mancano 4′ alla fine del parziale. Sulla rimessa offensiva il bolognese Piazza mette il suo nome a referto, mentre dall’altro lato del campo i chili di Mancinelli sono troppi per Chiarastella che è costretto a spendere il secondo fallo, dentro De Laurentiis. Mancato fischio sotto il canestro Moncada, dall’altra parte Piazza innesca De Laurentiis che segna e subisce fallo mettendo l’aggiuntivo (15-10), immediato il timeout di Boniciolli con Agrigento in parziale aperto di 13-3. Secondo fallo anche per Bell-Holter, dentro Ferraro per Agrigento. Grande arresto e tiro di Legion (15-12), a cui replica Buford con la tripla del 18-12. Canestro da sotto di Knox, poi doppio fallo tecnico per Evangelisti e Legion eccessivamente aggressivi sotto canestro. A 1’30” fallo su Evangelisti che va in lunetta per il bonus (20-14), fallo di Ferraro che si lamenta per l’uso dei gomiti da parte di Knox che continua a mettere in difficoltà i lunghi di casa (20-16), passi di Ferraro e fallo ingenuo di Buford su Montano che fa 2/2 (20-18), primo canestro di Cinciarini che impatta a quota 20 dopo una palla recuperata, poi ultimo attacco di casa con Piazza che sulla sirena non trova il canestro del vantaggio.

Gran canesto di Evangelisti in apertura a cui replica con efficacia Candi da centro area, arbitri che fischiano tutti i contatti con 5 fischi in soli 120 secondi, canestro di Ferraro e bell’entrata di Zugno inframmezzato dal canestro di Italiano. Si fa notare ancora Cinciarini col canestro del 26 pari, gran canestro da fuori di Ferraro per il nuovo +3, ma Candi è lesto a ribattere (29-29). Bell’entrata di Cinciarini che appoggia al vetro battendo Ryan Bucci, il figlio di George si fa perdonare con una delle sue triple, poi Mancinelli lavora spalle a canestro e trova il gioco da tre punti del sorpasso (32-34). Bologna lascia solo Ferraro nell’angolo che punisce dall’arco, poi Gandini con un tap in corregge il tentativo di un compagno (35-36). Fallo su Piazza che ne mette uno per il pareggio, De Laurentiis a due mani imbuca l’errore di Bucci dalla media, Gandini lasciato solo sorpassa dall’arco, la Moncada tira tre volte da fuori grazie ai rimbalzi offensivi, due gli errori di Piazza poi Bucci segna il 41-39, gran circolazione di palla per Bologna che pesca in angolo Candi (41-42), partita che si infiamma, tripla immediata di Bell-Holter (44-42), rimbalzo di Agrigento e fallo inutile di Candi su Piazza con Boniciolli che chiama timeout a 1:16 dall’intervallo. Due liberi per Piazza, scarico di Mancinelli per Montano che segna da fuori, gran assist di Zugno per l’accorrente Chiarastella, poi tripla centrale di Cinciarini per il 48 pari che manda le due squadre negli spogliatoi, partita bellissima.

Striscione tifosi Agrigento
“Chi da noi con i canotti arriva, spesso muore. Rispetto.” recita lo striscione dei tifosi di Agrigento.

Si riprende con i due liberi di Evangelisti (50-48), poi gran semigancio di Knox per il nuovo pareggio, antisportivo di Montano che trattiene Piazza per un braccio su un taglio,   il giocatore nativo di Bologna fa 2/2, sul possesso successivo Evangelisti non trova il canestro in sospensione. Pasticcio di Legion e airball di Bell-Holter, si riscatta Legion con un tiro in uscita dal blocco (52-52), Buford sfrutta un po’ di spazio segnando un canestro importante e lo stesso fa Mancinelli segnando da sette metri praticamente da fermo. Risponde un superbo Buford che crea dal palleggio un canestro da tre punti (57-55), sospensione vincente di Evangelisti a cui replica l’ex Trapani Legion. Esattamente a metà del quarto terza penalità di Knox su Chiarastella che ne mette uno, poi Evangelisti sfrutta le sue lunghe leve per appoggiare al vetro il +5 sul 62-57 inducendo al timeout coach Boniciolli. Chiarastella si vede sputare dal ferro un canestro praticamente fatto, Italiano rimasto indietro dall’altro lato del campo ne approfitta lestamente. Bell-Holter lavora in palleggio spalle a canestro e subisce fallo mettendo due liberi (64-59), canestro in entrata di Ruzzier, assist di Piazza per Bucci che segna una tripla centrale, gran canestro di Ruzzier che sulla sirena dei 24 secondi dimezza lo svantaggio, assist per De Laurentiis che segna da sotto, Piazza continua a litigare col canestro avversario e a 45” dalla fine del parziale commette fallo su Cinciarini che fa 2/2 e raggiunge la doppia cifra (11 punti per lui). Serie di blocchi per liberare Evangelisti che mette la tripla centrale, poi sull’errore di Bologna canestro di Buford lanciato in contropiede che segna il massimo vantaggio casalingo sul +8, scintille a fine parziale fra Buford e qualche giocatore ospite, lo stesso Ciani interviene per riportare la calma.

Agrigento inizia l’ultimo parziale avanti di 8, Masi richiama prima di cominciare Italiano e Buford invitandoli a evitare scorrettezze reciproche, Buford serve Bell-Holter che mette la bomba del +11, è il momento migliore della Moncada e gli ospiti dopo un giro di lancette chiamano la sospensione. Buford batte il suo marcatore dal palleggio, sull’aiuto inevitabile il fallo di Knox (il quarto), Fortitudo Agrigento a +13, Buford con lo step back segna il +15, poi fallo dell’americano e rimessa dal fondo errata di Bologna che perde palla con Mancinelli che si scontra con un compagno consentendo a De Laurentiis di schiacciare in solitario il +17 a 7’32”. Errore di Italiano e coast to coast di Buford che segna subendo il fallo e completa un gioco da tre punti portando Agrigento a +20 (17-0 il parziale). L’aquila è decisamente in bambola, partenza reverse di De Laurentiis che non trova nessuno fra se e il canestro e inchioda il +22, il parziale aperto è di 19-0, il coach triestino chiama sospensione al minuto 35 forse anche per cominciare a organizzare gara 2, giocando sull’orgoglio e le motivazioni dei propri giocatori. Buford prende l’offensivo e schiaccia il novantesimo punto, Campogrande interrompe la “rotta” ospite con due liberi,  Bucci subisce fallo sul tiro da tre punti ed è perfetto dalla lunetta, Agrigento vede i 100 punti, si gioca ormai per le statistiche, Ruzzier segna il nono punto e commette il quarto fallo su Piazza, esce fra gli applausi Buford ed entra il giovane Cuffaro, Zugno intanto fa 2/2 (95-70 a 3’50”). Tre minuti alla fine, un libero per Zugno e due canestri per Gandini e Cinciarini, altra inchiodata di De Laurentiis forse viziata da passi in partenza, il punto numero 100 è di Zugno che si allunga e con la mano destra riesce a trovare il ferro. Altro canestro di Gandini, dentro anche i gemelli Tartaglia per Agrigento, Gandini mette un libero a 52” poi non si segna più e Campogrande termina col pallone in mano, punteggio finale di 100-77.

Tabellino:

Fortitudo Moncada Agrigento – Kontatto Bologna 100-77

Parziali: 20-20, 48-48 (28-28), 74-66 (26-18), 100-77 (26-11),

Fortitudo Moncada Agrigento: Bucci 12, Buford 21, Cuffaro, Zugno 7, Evangelisti 20, Tartaglia A., Ferraro 8, Tartaglia M., Chiarastella 6, De Laurentiis 13, Piazza 5, Bell-Holter 8. All. Franco Ciani

Kontatto Bologna: Cinciarini 13, Mancinelli 6, Candi 8, Legion 9, Ruzzier 9, Campogrande 2, Montano 5, Costanzelli, Gandini 10, Raucci , Knox 11, Italiano 4 . All. Boniciolli.

Arbitri: Masi, Pazzaglia, Maschio