Agrigento ingrana la quinta (vittoria consecutiva) contro Scafati 

Agrigento - Scafati

Quinta vittoria consecutiva per Agrigento che chiude in crescendo il 2016. Dopo due quarti equilibrati la Moncada prende la testa della gara, allunga e mantiene il vantaggio fino alla sirena finale, ventelli per Piazza e Buford, doppia cifra per Bell-Holter e Bucci. A seguire commento completo.

Senza Chiarastella. Senza Evangelisti, indisponibile dell’ultim’ora. Senza De Laurentiis dagli ultimi minuti del terzo quarto, per un infortunio alla caviglia destra. Senza tutto questo, ma con cuore, testa e uno spirito da grande squadra.

Così la Fortitudo Moncada Agrigento raccoglie il quinto successo consecutivo in campionato (81-70 sulla Givova Scafati), rilanciandosi alla grande in classifica ma dovendo ancora attendere l’esito dei recuperi per sapere se parteciperà alla sua quinta Coppa Italia in sei anni.

I campani si presentavano anche loro con assenze importanti (l’USA Chase Fischer partito da pochi giorni e il centro Linton Johnson non disponibile), ma reduci da una magnifica vittoria su Reggio Calabria, che aveva assolutamente restituito entusiasmo alla squadra di Giovanni Perdichizzi, con il rientro del talentoso playmaker israeliano Naimy.

Giocatore che è stato naturalmente oggetto di una dispendiosa strategia difensiva dei biancazzuri, molto aggressivi sul pick and roll, ma ugualmente capace di produrre per sé e per i compagni.

Agrigento, però, ha dimostrato di aver raggiunto quella maturità necessaria per gestire imprevisti ed emergenze, anche in una serata così così dei due americani dal punto di vista balistico ma in una versione “operaia” (ma 23 rimbalzi, 6 assist e 4 stoppate in coppia), con tantissima fisicità dentro l’area dove si è esaltato Innocenzo Ferraro (7 rimbalzi e 3 assist per lui), con una prova di grande intraprendenza da parte di Ryan Bucci e Ruben Zugno, chiamati ad assumersi responsabilità importanti.

I gradi di MVP vanno ad Alessandro Piazza, nella sua versione migliore: 7 assist, 6 rimbalzi, 4 recuperi, 30 di valutazione e una serata speciale nel tiro da fuori, che ha fatto la differenza.

Prossimo impegno per i biancazzurri il 6 gennaio, sempre al PalaMoncada: arriverà l’UniCusano Virtus Roma.

Moncada Agrigento – Givova Scafati 81-70 (18-21, 20-16, 17-12, 26-21)

Moncada Agrigento: Alessandro Piazza 23 (5/12, 3/3), Perrin Buford 22 (11/22, 0/3), Damen Bell-holter 12 (1/6, 2/4), Ryan Bucci 12 (4/8, 1/2), Ruben Zugno 9 (3/7, 1/3), Quirino De laurentiis 8 (4/5, 0/0), Innocenzo Ferraro 8 (2/3, 1/1), Giuseppe Cuffaro 2 (1/2, 0/0), Mario Tartaglia 0 (0/0, 0/0), Andrea Tartaglia 0 (0/0, 0/0), Marco Evangelisti 0 (0/0, 0/0), Albano Chiarastella 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 16 – Rimbalzi: 40 9 + 31 (Damen Bell-holter 13) – Assist: 24 (Alessandro Piazza 9)

Givova Scafati: Yuval Naimy 27 (5/11, 4/11), Nicholas Crow 17 (2/4, 4/10), Tommaso Fantoni 15 (6/11, 0/0), Marco Ammannato 13 (5/9, 1/4), Marco Santiangeli 12 (0/1, 4/7), Patrick Baldassarre 5 (2/6, 0/2), Daniel Perez 0 (0/1, 0/0), Lorenzo Panzini 0 (0/1, 0/0), Luca Di palma 0 (0/0, 0/0), Ferdinando Matrone 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 15 – Rimbalzi: 37 10 + 27 (Tommaso Fantoni 10) – Assist: 17 (Yuval Naimy 10)