Ancora una sconfitta per la Virtus Kleb. Coach Bocchino: “Resettiamo e lavoriamo sodo”

La Virtus Ragusa vola in Veneto ed è ospite al Pala Vega del Basket Mestre di coach Ciocca. I ragusani reduci dalla sconfitta tra le mura amiche cercano il riscatto. Dall’altra parte Mestre arriva al match a punteggio pieno in classifica e vuole allungare la sua striscia positiva.

L’inizio è al fulmicotone. Si corre sin dai primi istanti sia da una parte che dall’altra. La Virtus va subito a canestro con Gaetano a cui risponde prontamente Bortolin. Le squadre si affrontano a viso aperto e si prova a trovare una via di fuga agevole. Dopo un’iniziale equilibrio sul parquet saranno i padroni di casa ad allungare sul tabellone piazzando un break che sarà costante per tutta la durata della gara. Chessari dopo uno scontro al limite dell’area rimedia un brutto infortunio ed è costretto a lasciare il campo. Gli iblei provano a reagire con ottime intuizioni di Sorrentino e Milojevic ma Bortolin e Rossi mostrano i muscoli sotto le plance e colpo su colpo e con una grossa solida difensiva aumentano il divario conquistando un vantaggio che blinderanno a lungo. 

Al ritorno dal riposo lungo la storia non cambia. I mestrini ne approfittano per aumentare il solco già scavato in precedenza. Ragusa però non molla la presa. Cassar e Gaetano si districano bene in area portando punti al proprio paniere. Anche Simon da il suo contributo fattivo alla squadra impattando il match con efficacia e solidità sia dall’area che da fuori. Ma la foga dei veneti è travolgente riuscendo a beffare la difesa ospite con frequenza. Sorrentino e Gaetano continueranno a tenere in partita la propria compagine di gioco con continuità ma la Gemini con Rossi, in serata di grazia dall’arco, sarà letale per consolidare il vantaggio acquisito. Nonostante le incursioni iblee i padroni di casa corrono spediti verso la fine del match conquistando la vittoria con il risultato finale di 82 a 58.

 

«Non voglio cercare alibi – commenta a caldo coach Bocchino – per giustificare una prestazione non al top della squadra. Merito a Mestre per aver giocato con intensità sin dal primo minuto acquisendo sul campo la vittoria. Per noi è stata una settimana complicata e i risultati non sono dei migliori. Dobbiamo tornare in palestra per correggere i nostri errori e guardare al proseguimento del campionato. Adesso, come dico sempre, bisogna resettare tutto e lavorare sodo».

 

 

BASKET MESTRE 1958 – VIRTUS RAGUSA: 82 – 58

Parziali: 22-8; 37–28; 64-46

 

BASKET MESTRE 1958

Tommaso Rossi 19 (2/3, 4/9), Matias Bortolin 18 (9/15, 0/0), Andrea Mazzucchelli 11 (2/3, 1/2), Fabio Sebastianelli 10 (0/1, 2/4), Alberto Conti 9 (2/7, 1/5), Nicolo’ Pellicano 7 (2/4, 0/1), Edoardo Caversazio 6 (3/4, 0/2), Edoardo Musco 2 (1/1, 0/0), Manuel Di meco 0 (0/1, 0/1), Marco Tibaldo 0 (0/0, 0/0), Elia Zinato 0 (0/0, 0/0)

 

VIRTUS RAGUSA

Andrea Sorrentino 15 (2/4, 3/11), Franco Gaetano 13 (4/8, 0/1), Simon Ugochukwu andrew 9 (1/1, 2/6), Bogdan Milojevic 8 (4/7, 0/1), Matteo Zanetti 6 (3/5, 0/2), Kurt Cassar 5 (1/3, 1/1), Giovanni Ianelli 2 (0/5, 0/5), Roberto Chessari 0 (0/4, 0/0), Filippo Valenti 0 (0/0, 0/0), Vincenzo Festinese ne

Coach Bocchino

Arbitri: Di Franco – Gurrera