AndrosBasket soffre metà gara, poi prende il largo e trova la terza vittoria consecutiva battendo Elite Basket Roma

Giulia Manzotti della Maddalena Vision Palermo

Terza vittoria consecutiva per AndrosBasket Palermo, che al Palamangano soffre per metà gara ma poi supera in scioltezza l’Elite Basket Roma per 74-43.

Avvio di gara sofferto per le padroni di casa, perché le ospiti rispondono ai due squilli di Cupido e Miccio con due buone giocate personali di Di Stazio, ala-pivot e giocatrice di maggiore esperienza (per quanto una classe ’86) della formazione romana. Le ragazze di coach Prosperi si caricano però di falli in pochi minuti e questo dà lo slancio alle siciliane per tentare un primo allungo: due percussioni di Cupido e il solito importantissimo lavoro sotto canestro di Vanderberg (che si fa sentire anche nella propria metà campo, prendendo di fatto tutti i rimbalzi difensivi) portano Palermo sul +7 dopo 6′. Vanderberg è incontenibile nell’area ospite, con le giovani dell’Elite (media di ) che possono ben poco contro la fisicità della lunga – in tutti i sensi, visti i 196 cm di altezza – australiana. Dalla lunetta si iscrive a referto anche Russo, che con il quintetto libero da lei trasformato nel periodo firma il 16-8 con cui AndrosBasket conduce dopo 10′. Secondo quarto che ripercorre il copione del primo, ma stavolta le romane vanno in bonus di falli di squadra già dopo due giri di orologio, a fronte dei soli due falli di marca palermitana, e questo indirizza decisamente il match in favore delle palermitane. Manzotti e Russo costruiscono i punti del +15, aiutante anche dall’infinità di rimbalzi conquistati da Vanderberg (12 dopo soli 15′, di cui 9 difensivi); alla festa dalla lunetta si iscrive anche Miccio, mentre le ospiti raggiungono la doppia cifra sul tabellone solo a metà parziale con Di Stazio e Masic. Roma accorcia anche le distanze con tre punti di Magistri che riportano la formazione ospite sul -12, prima di due penetrazioni di Novati e due liberi di Magistri che fissano il punteggio all’intervallo sul 31-20.

Dagli spogliatoi esce però un AndrosBasket totalmente diverse, e qui c’è anche la mano da motivatore di Santino Coppa. La ripresa sembra iniziare meglio per l’Elite, che si avvicina ancora fino al -9, ma Palermo reagisce subito con i primi due punti del match per Verona e la tripla di Miccio (la prima soluzione oltre l’arco dell’intero incontro); il furto di Russo, realizzato poi da Miccio, consente ad Andros di allungare ulteriormente le distanze sul +16. In fatto di triple si sveglia anche Manzotti, che insieme ai punti di Verona porta il vantaggio di casa oltre i venti punti, poi Cupido e ancora una tripla di Miccio mandano Palermo su un +30 che sa già di sentenza per la formazione romana. Il finale è pura accademia per le siciliane, che lasciano andare i colpi e trovano soluzioni spettacolari tanto dall’area quanto dall’arco; e nel periodo conclusivo, a risultato ormai acquisito, coach Coppa lascia qualche minuto di parquet alle giovani under Cappelli (che va a segno anche con una tripla che fa esplodere di gioia il palazzetto), Tumminelli (anche lei a referto), Caliò e Salamone.

Marco Biundo

ANDROSBASKET PALERMO 74 – ELITE BASKET ROMA 43

PALERMO: Manzotti 10, Russo 9, Novati 4, Cappelli 5, Cupido 13, Cutrupi 2, Miccio 18, Verona 6, Vanderberg 5, Tumminelli 2, Caliò, Salamone. Coach: Coppa.

ROMA: Grattarola, Buscaglione 2, Loi, Introna, Di Stazio 10, Masic 4, Kolar 2, Magistri 9, Bambini, Gentle 2, Chrysanthidou 6, Salvucci. Coach: Prosperi.

ARBITRI: Matteo Luciotti di Binasco (MI), Chiara Tomasello di Origgio (VA).

NOTE: parziali 16-8, 15-12 (31-20), 24-5 (55-25), 19-18 (74-43)