C FEMM. Intensa e bellissima Virtus Trapani – Lazur Catania. Padrone di casa vincenti solo all’overtime

La Serie C femminile si “legge” sulla carta come un campionato di non primissimo livello, ma quando le formazioni entrano in campo con la mentalità che solo il buon basket insegna, anche un match giocato la domenica al mattino può essere un piccolo spettacolo.

Virtus Trapani contro Lazur Catania termina dopo un overtime sul 57-50, ma nessuna delle due squadre può essere scontenta di quanto fatto sul parquet. Da una parte le gialloblu allenata da Massimo Cardillo possono contare sull’esperienza di Grignano, la fisicità di Lamia e il contributo delle giovani Messana e Lorentino, coach Davide Caltabiano può contare invece su una squadra operaia, senza individualità, ma in cui carattere e determinazione sono fuor di dubbio l’arma in più.
È con questa stessa forza che proprio la Lazur, dopo essere stata in svantaggio per tutto il match, riesce alla fine del quarto quarto a mettere il muso avanti nella gara, per subire poi il canestro al fil di sirena di Martina Messana. Una penetrazione centrale che regalata il supplementare alla Virtus Trapani (48-48).
Nell’unico overtime del match il parziale è a senso unico, tutto gialloblu (9-2) mentre la Lazur cede innervosita anche da un arbitraggio che è stato, per tutta la gara, tutt’altro che impercettibile.

Virtus Trapani – Lazur Catania 57-50

Virtus Trapani: Catalano, Poma, Grignano 20, Iannazzo 2, Lamia 2, Lorentino 2, Lombardo ne, Bellissimo 2, Messana 29, Accardo, Maisano ne, Magaddino ne.

Lazur Catania: Condarelli 4, Scaccianoce, Indorato 6, Hristova 3, Pafumi 8, Cardillo 5, Cardea 3, Amara 2, Desi 4, Borzì 14, Cicciù ne.

Parziali: 13-11, 17-12, 6-7, 11-18, 9-2.