C FEMM. Trapani gioca duro, ma il Cus Catania tiene testa alla capolista. Termina 62-54

Cus Catania logo
Cus Catania

La Virtus Trapani gioca troppo duro, ma la terza forza del campionato Cus Catania riesce a dar filo da torcere alla capolista nel match giocato al palaVirtus praticamente fin quanto le uscite per falli le hanno permesso di rimanere in partita. Ovvero fino al quarto quarto. Fuori per cinque falli in questo periodo la pivot Martina De Lucia (chiude la gara con 5 punti contro la più esperiente avversaria Valeria Grignano), unica nel suo ruolo in casa sua per via dell’assenza di Mariam Anechoum, fuori a metà del quarto quarto anche la tiratrice Giorgia Pappalardo a causa di un infortunio provocato da un’avversaria in fase di tiro. Ottimo comunque il risultato raggiunto dalle etnee in trasferta (le catanesi si sono presentate in 8) di 62-54.

Pesanti in casa virtussina i 17 punti di Martina Messana e i 19 di Valeria Grignano, il Cus Catania si è difeso con 14 punti di Stefania D’Angelo e una buona prestazione del resto del collettivo.

Virtus Trapani – Cus Catania 62-54

Trapani: Catalano ne, Poma, Grignano 19, Iannazzo, Lamia 2, 3, Lombardo 10, Bellissimo 2, Messana 17, Accardo 2, Manano ne. All.: Cardillo

Cus Catania: De Lucia 5, Pappalardo 9, D’Angelo 14, Messina 10, Di Stefano 5, Patanè 2, Barbagallo, Privitera 9. All.: Laudani

Parziali: 15-12, 16-14, 12-16, 19-12

Arbitro: Tartamella