C GOLD. Green Palermo in casa del Cus Catania, Lombardo: “Abbiamo qualcosa da dimostrare”

Settimana delicata in casa Green Basket Palermo, quella post sconfitta casalinga con Milazzo, la prima stagionale. Gli strascichi del match perso domenica sono stati individuati, analizzati e, infine, cauterizzati secondo quanto previsto dallo staff tecnico biancoverde, diretto dal coach Marco Verderosa.

 

«È stata una settimana diversa, la prima dopo una sconfitta meritata come quella contro Milazzo, brava a toglierci qualche nostra certezza – le parole del capitano dei palermitani, Giuseppe Lombardo -. Non abbiamo mai fatto canestro, ma loro sono davvero una buona squadra che è riuscita anche a sopperire alla mancanza di un giocatore come Radan. Tra l’altro gli faccio ancora un grande in bocca al lupo, gli ho anche scritto dopo la gara, visto che indirettamente mi sento coinvolto visto che il suo infortunio è nato da una mia caduta che involontariamente ha finito per nuocergli. Spero davvero possa recuperare al più presto, perché è davvero un gran giocatore».

 

Grosse difficoltà offensive, quelle contro i milazzesi, che però non sarebbero i reali motivi della prima caduta stagionale: «Una partita simile ci è capitata anche due anni fa in Serie B contro Torrenova, dove perdemmo segnando pochissimo, ma costruendo gioco – sottolinea Lombardo -. Contro Milazzo abbiamo prodotto tanto, ma rispetto ad altre partite ci siamo disuniti, non imponendo il nostro gioco, ma subendo gli avversari. Adesso sappiamo che, nei momenti di difficoltà, dobbiamo reagire tecnicamente e soprattutto psicologicamente. Una squadra vincente passa dal creare una mentalità quadrata, da poter imporre indipendentemente dall’avversario e dalle situazioni di partita».

 

Stasera arriva una nuova trasferta, la prima di due turni consecutivi lontani dal PalaMangano, in casa del Cus Catania penultimo nel girone Azzurro di C Gold e che sin qui ha raccolto meno di quanto seminato in realtà.

 

«Conosco molto bene il loro coach, Paolo Marletta, è un ottimo allenatore. Sappiamo che un contesto come il loro può essere imprevedibile – avverte -, con giocatori che non sempre sono disponibili in trasferta, ma che in casa tendono ad essere sempre al completo. Dovremmo stare molto attenti. Abbiamo più di qualcosa da dimostrare a noi stessi e a chi ci segue. Vogliamo rialzarci immediatamente dopo la caduta».

Palla a due questa sera alle ore 18 al PalArcidiacono di Catania che sarà alzata dagli arbitri Luca Beccore e Matteo Gazzara di Messina. Diretta streaming sulla pagina Facebook del Cus Catania Basket.