C SILVER. Adrano batte Fortitudo Messina alla Tenso e pensa già ad Acireale

Terza vittoria di fila per Adrano che supera alla Tensostruttura Fortitudo Messina 75-70 e sale al terz’ultimo posto in classifica. Gli etnei, totalmente rigenerati, scavalcano in classifica Orlandina, battuta a Ragusa, e i peloritani che devono recuperare il match con Gravina e 1’ di match con Basket School.
Gli adraniti portano a casa il successo ma non riescono a riprendersi il vantaggio della differenza canestri conservata dai messinesi per 1 punto. Contava vincere e questo è stato fatto. Non è stata facile la partita con i messinesi, quintetto “rognosissimo” che non ha mai mollato l’osso neanche quando Adrano era assoluto padrone della gara tra la fine del primo quarto e per buona parte del secondo. Il match è stato deciso negli ultimi minuti di gioco con Adrano che dopo essersi trovato sotto 65-67 ha trovato la tripla di Abdul e i canestri, con liberi annessi, di Leanza, Dario Bascetta e Ampomah. Negli ultimi 7” Adrano, avanti 75-70, ha provato in tutti i modi il canestro del +7 per ribaltare la differenza canestri e ci era anche riuscito con Abdul ma il duo arbitrale ha annullato per fallo.
Adrano parte forte e trova subito il canestro con Abdul, gli ospiti però dopo una fase di difficoltà piazzano un break di 1-11 trovando il primo vantaggio della gara. E’ un fuoco di paglia perché Adrano alza il ritmo, pressa da tutte le parti costringendo i peloritani a perdere un’infinita di palle e con un contro break di 8-0 trova la parità. Si viaggia punto su punto ma i canestri di Abdul, top scorer con 22 punti, Travis e Ampomah danno il vantaggio di 5 punti (21-16) agli adraniti al primo suono della sirena.
Nel secondo quarto Adrano azzanna gli ospiti con un pressing asfissiante, Fortitudo va in bambola perdendo palloni su palloni. Adrano si prende anche il massimo vantaggio (30-20) con Fortitudo che perde pure Mazzullo espulso. Vantaggio che Adrano manterrà quasi fino alla fine della pausa lunga prima che gli ospiti accorcino il divario a – 4 (44-40) grazie ai canestri di Bellomo e alla tripla di Barlassina.
Nel terzo quarto Fortitudo trova subito la parità, Leanza da respiro ad Adrano che però non riuscirà mai a scrollarsi di dosso i messinesi che restano lì sornioni attaccati al match. Break e contro break, nessuno riesce a scappare e Adrano chiude avanti di 1 punto al terzo suono (56-55).
Nell’ultimo, il match cresce di intensità. Adrano è spinto dal tifo incessante della Tenso ma Fortitudo non arretra nemmeno di 1 centimetro. Giorgione prova a rompere la difesa peloritana con un break personale di 7 punti, gli ospiti rispondono e  una tripla di Bellomo scrive il + 2  per i peloritani a 2’ minuti dalla fine (65-67). Abdul risponde subito con un arcobaleno accecante dall’arco che rida ad Adrano il vantaggio di 1 con le due squadre in bonus. Bianchi fa 1/2 dalla lunetta per il 68-68. Leanza, sempre lui, scrive il + 2, poi è D. Bascetta a fare 2/2 dalla linea della carità per il +4 (72-68). Messina accorcia con Di Nezza ma spende falli mandando in lunetta due volte Leanza e una volta Ampomah che faranno sempre 1/2. + 5 Adrano a 21” dalla fine, Messina perde palla e a 7” gli adraniti provano a riprendersi la differenza canestri senza riuscirvi nonostante Bonanno chiami time out per disegnare lo schema offensivo. Abdul segna ma il canestro non è buono e negli ultimi 4” gli ospiti trattengono palla con Bellomo ma l’arbitro non ravvisa nessuna scorrettezza.
Vince Adrano e contava, a scanso di equivoci, solo questo. Adesso testa ad Acireale, altra gara da giocare col coltello tra i denti perché la strada per la salvezza è ancora lunghissima e non bisogna abbassare la guardia nemmeno di 1 millimetro.