C SILVER. Alfa Catania “quadrata” batte una Libertas Alcamo ancora in emergenza

Alfa Catania batte Libertas Alcamo 72-54 al PalaCus. Padroni di casa che vincono una partita mai in discussione, contro una Libertas orgogliosa ma limitata dalle assenza.

Il match lo apre Abramo, Andrè fa ottima guardia su Legend che inzia la partita con uno 0 su 2 al tiro. L’argentino costruisce dai liberi il primo punto ospite, mettendo lo zampino per il primo mini vantaggio realizzato da Tagliareni. Mazzoleni pesca al centro dell’area Legend che stavolta non può sbagliare. Sul vantaggio Alfa arriva in appoggio Andrè (4-5), poi ancora Tagliareni, ma Mazzoleni risponde. Luzza aggiusta la mira e realizza il +2 (10-8). Il parziale è 5-2 per i padroni di casa,
Bruno lotta a rimbalzo, ma Alcamo è già in bonus e manda Catania in lunetta sul 15-10. Luzza sbaglia, Tagliareni no e gli ospiti rimangono sul -3. Consoli a 1.29″ piazza la tripla che chiude il quarto a favore dei catanesi di coach Guerra sul 18-12.

Libertas apre bene il secondo quarto con un parziale di 0-4 che la riporta in scia. Alfa serve un controparziale netto ritrovandosi dal +6 (22-16) al +10 (28-18) che costringe Alcamo al time out a 5′. Luzza realizza il sesto punto di fila personale, Andrè “scherza” con Legend e completa dalla lunetta un gioco da 3 punti. Il padroni di casa non perdono smalto in attacco mentre la Libertas si aggrappa proprio ad Andrè per segnare il 37-24 che manda le squadre negli spogliatoi.

Come nel secondo quarto, anche nel terzo è Alcamo ad iscriversi per prima a referto. Legend ritrova l’inchiodata (39-26), Fathallah la prima tripla della serata per il -10 (39-29). Butera realizza ancora dalla lunga distanza (40-32), ma Alcamo manda in lunetta Marzo ed è di nuovo +10 etneo. La forbice torna ad allargarsi e solo la sfida Legend-Andrè offre soluzioni ad Alcamo: l’argentino costringe l’americano al quarto fallo e quindi la panchina. Butera caparbio realizza, Alcamo gestisce anche l’ultimo possesso e proprio con il numero 15 piazza la tripla dell’ennesimo -10 della gara (47-37).

L’ultimo quarto si apre decisamente di marca Alfa con Abramo bravissimo a piazzare la tripla a fil di sirena e recuperare palla per una transizione chiusa alla perfezione da Marzo. Alcamo torna ad attaccare sul 52-37, non realizza e consegna a Catania la possibilità di un’altra azione magistrale che viene conclusa tra gli applausi sull’asse Mazzoleni, Patanè, Cicero. Alcamo incassa ma segna con Tagliareni e Agrusa, con Bruno ai liberi, ma l’Alfa è però lontana 59-45. Coach Ferrara allunga la difesa, Andrè serve un grande assist per Tagliareni, poi Luzza inchioda con una mano il 65-49 a 2:27″.
Con il numero 00 torna in campo Farina per Alcamo, spazio per Barletta in casa Alfa nei minuti finali di una gara giocata al massimo delle rispettive possibilità da parte di entrambe le formazioni.