C SILVER. Il derby ibleo è della TD Car Ragusa, le parole di coach Di Gregorio

Andrea Sorrentino

Ottima prova per la TD Car Virtus Ragusa che in un Pala Padua dagli spalti pieni in ogni ordine e grado supera l’Olympia Comiso in un attesissimo derby tutto ibleo. Partita equilibrata per i primi 3 quarti che ha visto i padroni di casa allungare nell’ultimo periodo fino alla vittoria finale.
I primi due punti sono del Comiso per mano di Turner. Sin da subito il ritmo di gioco è elevatissimo. Si corre da un canestro all’altro anche se il tabellone al sesto minuto segna ancora parità (4-4). Andrea Sorrentino con due triple di fila comincia a dare un segnale forte agli avversari. Ma i comisani non stanno a guardare e grazie a delle ottime intuizioni di Boiardi e Occhipinti gli ospiti cominciano a tallonare i padroni di casa. La difesa virtussina riesce a contenere e così si chiude il primo quarto con il vantaggio dei ragusani (16-13).
All’inizio della seconda frazione di gioco l’Olympia Comiso cerca il sorpasso sulla Virtus Ragusa ma grazie alle due triple di Canzonieri i ragusani mettono distanza. Anche il capitano Sorrentino da fuori area non sbaglia. Entrambi gli schieramenti non vogliono lasciare il passo e il ritmo si fa sempre più serrato sotto le plance. Quando mancano poco più di due minuti alla fine del secondo quarto il Comiso grazie a Occhipinti riesce ad avvicinarsi pericolosamente ai padroni casa (32-31). La difesa virtussina viene violata negli ultimi secondi ma i ragusani riescono ugualmente a stare avanti.
Al ritorno dal riposo lungo il Comiso cerca e trova il sorpasso sulla Virtus Ragusa ad opera di Turner ma Bakula ristabilisce il vantaggio con un tiro da fuori area. Gli animi si surriscaldano soprattutto in area e i falli si fanno più frequenti. I padroni di casa cercano di allungare ma il Comiso non lo permette. A meno di 1 minuto dalla fine del terzo tempo il Comiso ha ritrovato il sorpasso ma Andrea Sorrentino con una tripla lo fa durare meno di 10 secondi.
L’ultimo periodo si fa ancora più rovente. I ragusani con Canzonieri, protagonista di finalizzazioni importanti, mettono la testa più avanti e il Comiso comincia a perdere coesione ma non molla mantenendosi proprio alle spalle dei padroni di casa. Entrambe le squadre mettono il piede sull’acceleratore e la palla passa da un’area all’altra con estrema velocità. I ragusani a questo punto, sostenuti da un pala Padua gremitissimo, con uno scatto d’orgoglio e con un Canzonieri e un Andrea Sorrentino in strepitosa forma, si fanno più incisivi sia in area che fuori e con uno sprint finale chiudono il match con il risultato di 75 a 64.
«È stata una bella partita – commenta a caldo coach Di Gregorio – soprattutto dal punto di vista emotivo e anche perchè il Pala Padua pieno cosi è un grande stimolo e uno spot positivo per il mondo della pallacanestro della provincia di Ragusa. Nell’ultimo quarto abbiamo fatto un break decisivo che ci ha portato a vincere la partita. Questo match è stato impegnativo e la nostra attenzione è stata alta. Merito a Comiso che come matricola del campionato sta facendo un percorso importante. Noi dobbiamo proseguire per la nostra strada facendo attenzione ai prossimi incontri senza abbassare mai la guardia e ponendoci con un atteggiamento propositivo per affrontare al meglio le partite che ci aspettano».