Cestistica Torrenovese, parla Papa «Il PalaTorre la nostra forza»

Claudio Papa - photo Janira Galipò
Claudio Papa - photo Janira Galipò

È sempre dura tornare sul parquet dopo due sconfitte, ma la Cestistica Torrenovese torna davanti al suo pubblico per sfidare il CUS Palermo e lo fa con un nuovo entusiasmo. L’ultima apparizione fra le mura amiche coincise con una vittoria allo scadere contro la Nuova Agatirno, oggi si spera di riprendere la corsa ai playoff dalla squadra di coach Catania. La squadra è dunque ripartita in settimana dopo due prove che, risultato a parte, hanno soddisfatto coach Fiasconaro, ma uno dei leader dello spogliatoio, Claudio Papa tiene a precisare tutta la determinazione della squadra: «Dopo due sconfitte siamo ripartiti allenandoci intensamente, siamo consci del fatto che non ci sono più margini di errore ma bisogna solo vincere tutte le partite da qui alla fine. Coach Fiasconaro – continua il play/guardia delle Aquile – sarebbe certamente stato più contento se ne avessimo vinta almeno una delle due, e a Balestrate effettivamente ci siamo andati molto vicino. Il nostro problema però in questo momento è a livello offensivo, perché segniamo poco dopo esserci sbattuti intensamente in difesa».

La classifica è molto corta, e Papa non ha dubbi sugli obiettivi della Cestistica: «Ci sono sei squadre appaiate a quota 10 punti in classifica che ad oggi possono centrare il quarto posto, e noi abbiamo un organico che può assolutamente raggiungere questo obiettivo. Adesso affronteremo una squadra che se pur ultima in classifica non ci regalerà nulla, ma giochiamo al PalaTorre e i tifosi devono essere la nostra arma in più. Lo scorso anno vincemmo 8 partite su altrettanti match in casa, quest’anno non è stato così ma credo che a partire dalla sfida col CUS non regaleremo niente a nessuno. Dobbiamo centrare i playoff a tutti i costi, lo merita la città di Torrenova e questa società che sta facendo enormi sacrifici per affrontare questa stagione sportiva».