Derby amichevole, ma grande agonismo tra Green Palermo e Alfa Catania: la spuntano i catanesi 80-84

Coach Andrea Bianca

DAL NOSTRO INVIATO – Ultimo test precampionato per il Green Basket Palermo, che al PalaMangano ospita la Polisportiva Alfa Catania. Le due squadre hanno deciso di affrontarsi azzerando i parziali ogni 10′, ma alla fine ne è venuta fuori una partita molto accesa e dai toni a tratti anche molto agonistici, che i ragazzi di coach Bianca si sono aggiudicati con il punteggio complessivo di 80-84.

L’avvio di gara è favorevole alla formazione catanese, che prende subito il largo grazie ai punti di Agosta e Gottini (a referto con il marchio di fabbrica, la bomba dall’arco). Il Green però non ci sta e rimonta trovando soluzioni importanti sia dall’interno dell’area con capitan Giuseppe Lombardo e Paunovic, sia dal perimetro sempre con il capitano e Svoboda. Prima della fine del quarto le due squadre si scatenano: prima c’è un buon parziale dell’Alfa, che piazza uno 0-5 ad opera di Provenzani che ribalta momentaneamente il punteggio; sulla sirena il contro-sorpasso per il Green con la tripla di Paunovic e i due punti a tempo scaduto di Gottini chiudono i primi 10′ sul 23-22 per i palermitani.

Equilibrio anche nel secondo periodo, con il Green che prova ad allungare con la tripla di A. Lombardo e i liberi di Venturelli, ma gli etnei rispondono con i piazzati di Gottini, Abramo e Agosta. I padroni di casa restano agganciati nel punteggio grazie ai 10 punti di Venturelli, ma Catania non si tira indietro e risponde con i 6 punti di Vita Sadi. Il finale, prima del breve intervallo, è tutto per Giovanni Romanò: l’ala biancoverde prima realizza capitalizzando un rimbalzo offensivo, poi si prende anche un buon tiro dall’arco per il 20-14 di fine parziale.

Squadre di nuovo sul parquet dopo una pausa brevissima, e il copione è lo stesso dei 10′ precedenti: attacchi un po’ bloccati, specie sul lato palermitano, e l’Alfa ne approfitta per prendere il largo ancora con Vita Sadi, inarrestabile sotto il ferro per la difesa di coach Verderosa – che, va detto, così come coach Bianca ha approfittato del test per ruotare i quintetti e dare spazio a tutto il roster -, e Florio, che mandano Catania sul +10, portato fino in fondo al periodo.

Ultimo quarto che vede l’iniziale fuga del Green con Paunovic e Romanò, riagganciata però dopo 5′ grazie al gioco da 4 punti (tripla con fallo subito) di Abramo, che poco dopo si ripete ancora dall’arco per il sorpasso. In un finale acceso per l’agonismo messo sul parquet dalle due formazioni – e qualche colpo al limite del proibito, segno della rivalità tra le due città, pur se con il massimo della correttezza su entrambi i fronti -, ci provano prima Caronna poi Vita Sadi a rompere l’equilibrio, ma sono le triple di Giancarli e Abramo e chiudere il parziale sul 26-26.

GREEN BASKET PALERMO 80 – POLISPORTIVA ALFA CATANIA 84

PALERMO: Dal Maso, Svoboda 5, Giancarli 5, Migliorelli 4, Paunovic 19, G. Lombardo 11, Romanò 9, Caronna 9, A. Lombardo 6, Venturelli 12. All.: Verderosa.

CATANIA: Gatti 7, Longo, Gottini 9, Provenzani 22, Consoli 2, Florio 6, Agosta 12, Vita Sadi 16, Patanè, Abramo 9. Coach: Bianca.

ARBITRI: Angela Castiglione e Carlo Di Giorgi di Palermo.

NOTE: parziali 23-22, 20-14, 11-22, 26-26.