Eagles Palermo, Coach Ortenzi: “Il bilancio è positivo”

Leonardo Ortenzi
Leonardo Ortenzi

Sesto posto e salvezza abbondantemente raggiunta con una squadra composta prettamente da under: “Siamo soddisfatti”

La prima stagione di sempre della Eagles Basket in Serie D si è conclusa con un eccellente sesto posto, centrando ampiamente con 8 vittorie stagionali l’obiettivo della salvezza. Sembrava poter addirittura alzare ulteriormente l’asticella il giovanissimo gruppo di coach Leo Ortenzi (coadiuvato dal suo assistente coach Salvo Marsala), allenatore e responsabile del settore giovanile dell’Aquila Palermo, alla sua prima stagione in Sicilia.

La scelta, fatta ad inizio anno dal presidente Rappa, di puntare tutto sulla crescita degli under (affiancando un paio di giocatori di esperienza come capitan Ranalli e Flavio Paternò, reduci dalla promozione nella passata stagione) ha finito per riservare diverse soddisfazioni. Questo il bilancio dell’intera annata da parte del tecnico Ortenzi.

Conclusa la stagione in Serie D come si sente di giudicare il campionato della sua Eagles Basket?
Sono realmente soddisfatto di come è iniziata e poi di come si è conclusa la stagione. Rimane l’amaro in bocca di essere stati per quasi tutto il campionato all’interno del discorso playoff, abbandonandolo nell’ultima giornata, ma al cospetto di squadre di grande livello e qualcuna anche di altra categoria. Siamo stati in partita anche nell’ultima gara contro Capo d’Orlando, faccio i complimenti ai ragazzi. Ho visto segnali di crescita da parte di tutti e sono convinto sia stata un’esperienza molto proficua per tutti i nostri atleti.

Una squadra prevalentemente di under in un campionato senior. Scelta che può pagare in vista dell’anno prossimo?
Certamente questa prima annata può valere tanto in ottica prossima stagione, vista anche la difficoltà in Sicilia per le giovanili di disputare tante partite. Il campionato senior può a questo punto dare grande possibilità di crescita. A volte paga e a volte no avere prevalentemente dei giovani, Trapani ad esempio è retrocessa con questa formula, però l’idea era dare una nuova prospettiva a questi ragazzi, affrontare avversari che l’anno scorso giocavano in C Gold o In Serie B addirittura. Quello di Serie D è un torneo pieno di giocatori talentuosi e dal grande passato.

Che stagione è stata la prima di coach Ortenzi a Palermo?
Per me è e continua ad essere un’esperienza importante quella in biancorosso. Dobbiamo adesso andare a capire come migliorare e implementare l’intero nostro settore giovanile. Indipendentemente dal livello tecnico e fisico, mi ha colpito l’entusiasmo di questi ragazzi nell’allenarsi e impegnarsi in campo. Dobbiamo puntare ad alimentare questo aspetto, così facendo arriveranno anche i risultati.

Che obiettivi è giusto porre per la prossima stagione sportiva?
Pianificare già da adesso la prossima stagione del settore giovanile e della Serie D potrebbe essere importante, però non sappiamo ancora che tipo di roster presentare e neanche se Palermo avrà una prima squadra in B o in A2. Certo che dare seguito al progetto fatto quest’anno per la Serie D sarebbe importante, una squadra con tanti giovani da far crescere e far subito abituare a un campionato vero e complicato come quello della nostra Eagles Basket.