GIOVANILI. La finale U16 femminile inizia in ritardo, al “neutro” scelto dal Comitato mancano i palloni

Al PalaCannizzaro di Caltanissetta – campo neutro scelto dal Comitato Regionale Siciliano per disputare la finale 1°-2° posto del campionato under 16 femminile – le giovani atlete dell’AndrosBasket Palermo e la Virtus Eirene Ragusa hanno dovuto attendere oltre 45 minuti prima di giocare la partita più importante della stagione.

Nella struttura, infatti, mancavano i palloni regolamentari da gioco necessari a disputare il riscaldamento e soprattutto la gara.

E così, il delegato provinciale Calogero Terrana si è recato in un noto negozio di articoli sportivi acquistando per l’occasione due nuovi palloni numero 6. Palermo e Ragusa hanno provato comunque e nell’attesa a fare riscaldamento, utilizzando però dei palloni numero 7 sgonfi già presenti all’interno del palazzetto. Palloni che sono stati gli stessi con cui le squadre Villaurea (Pa) e Giarre (Ct) avevano disputato poco prima, e ancora in maniera fortunosa, la finale 11°-12° del campionato U16 maschile Silver.

Anche quest’ultime due formazioni, ci comunicano, hanno cominciato il proprio match con notevole ritardo facendo slittare, di conseguenza, anche la finale tra le due squadre femminili.

Una particolarità ci è stata confessata: “Vi siete portati i palloni?“, sembra sia stata la domanda rivolta alla formazione palermitana femminile da chi ha accolto la squadra a Caltanissetta.