Green Palermo, prima gioia in trasferta: battuta al supplementare Pontoni Monfalcone

Venire fuori dalle difficoltà come gruppo, ricompattarsi nel momento più importante, ritrovandosi sotto a 6’ dal termine di una gara condotta sin lì e poi vinta al supplementare. Green Basket Palermo torna a casa dalla trasferta di Monfalcone con due punti in più in classifica, i primi raccolti lontano dal PalaMangano in stagione. Ci sono voluti 45’ effettivi per venire a capo di un confronto ‘sporco’ con una coriacea Pontoni Monfalcone, battuta alla fine per 72-75.

Avvio più che positivo quello dei biancoverdi, come spesso accade, che aprono il conto con la tripla di Masciarelli e allungano grazie alle soluzioni personali di Caronna, Di Giuliomaria, Lombardo e Costa. Enormi difficoltà per i padroni di casa nei primi 10’ di gioco nel muovere la retina, riuscendoci soltanto con il veterano Rezzano e il suo Bacchin-Prandin, ma sbagliando moltissimo da oltre l’arco. La tripla di Jona Di Giuliomaria chiude il primo quarto su un eloquente 9-23 per i siciliani. La risposta dei friulani di coach Praticò arriva in apertura di secondo periodo, con un 9-0 costruito in parte dalla lunetta, ma soprattutto con il rimbalzo offensivo concesso ancora una volta eccessivamente dai biancoverdi (ben 16 alla sirena). Caronna rimette le cose a posto, anche grazie all’unica tripla tentata e segnata dal centro palermitano, riportando Green Palermo avanti di 12 al 20’.

La serata al tiro pesante non è delle migliori per i siciliani, così in apertura di ripresa Prandin e Medizza ne approfittano per ricucire lo strappo. La tripla arriva grazie a capitan Lombardo che permette di mantenere il vantaggio in doppia cifra che resiste ormai da inizio gara e che, probabilmente, farebbe pensare ad un finale di partita tranquillo per gli ospiti. Non sarà così.

 

IL FINALE DI GARA

Il quarto periodo, apertosi sul 47-55, vede Monfalcone piazzare nello spazio dei primi quattro minuti un 11-1 (19-3 se si considerano anche i 3’ finali del terzo quarto) che ribalta il risultato e manda avanti i friulani con la bomba di Cestaro. Di Giuliomaria e Moltrasio rispondono con la stessa moneta in uscita dal timeout chiamato da coach Verderosa, ma Monfalcone non ne vuole sentire di mollare la fune e con Bacchin e la tripla di Soncin impatta a quota 65 a 80’’ dal termine. Soncin fa uno su due dalla lunetta, mentre Caronna fa la voce grossa ancora nell’altro pitturato (19 punti per lui top scorer del match alla fine). A 20’’ dalla sirena Bacchin ha la palla del sorpasso, ma sul rimbalzo nasce una mattanza che si risolve con Monfalcone ancora in possesso. La stessa scena si ripete dopo la rimessa con il tiro di Bacchin che danza sul ferro per poi uscire, il rimbalzo è ancora di Monfalcone con Medizza che produce un’altra rimessa a 10 secondi dalla sirena. Monfalcone sembra deragliare sulla rimessa che finisce tra le mani di Bellato: la penetrazione trova l’opposizione fallosa di Caronna, con gli arbitri che concedono due liberi a Monfalcone ad un solo secondo dalla fine. L’ala classe 2002 dei locali sbaglia il primo e mette il secondo, tenendo in vita il Green e allungando il match all’overtime.

Bacchin apre il supplementare con cinque punti che scuotono le fondamenta del PalaPaliaga, mentre dall’altra parte Caronna si prende il rimbalzo offensivo trasformandolo in due punti. Lombardo prende lo spazio centrale e creandosi spazio piazza la tripla del nuovo vantaggio biancoverdi al 43’ (72-73. Monfalcone sbaglia in attacco e Masciarelli può chiudere il match dalla lunetta, anche perché l’ultimo disperato tentativo di Bacchin, nato dalla sanguinosa palla persa in attacco dei palermitani, non raggiunge neanche il ferro.

 

 

 

PONTONI MONFALCONE – GREEN BASKET PALERMO 72-75 (d.t.s.)

Parziali: 9-23, 31-43, 47-55, 67-67, 72-75

Monfalcone: Mazic 3, Bellato 4, Coronica 6, Medizza 5, Cestaro 5, Soncin 9, Bacchin 13, Prandin 10, Marson 2, Furin 8, Paiano, Rezzano 7. All. Praticò

Green: Birra, Costa 9, Masciarelli 5, Di Giuliomaria 17, Markus, Moltrasio 6, Lombardo 10, Ronconi, Morciano 9, Caronna 19. All. Verderosa, Ass. Silva

 

Arbitri: Diego Secchieri di Venezia e Filippo Castello di Schio