Gruppo Zenith Messina nel recupero contro Ragusa senza Soldatesca e Calarese

Demerik Weglinski in lunetta - foto Chiara Zagami

Il Gruppo Zenith Messina turna in campo a distanza di tre giorni dall’incredibile sconfitta subita a Siracusa. I peloritani affrontano la Nova Virtus Ragusa nel recupero della gara valevole per la sesta giornata del campionato di Serie C Silver, sospesa per impraticabilità di campo lo scorso 6 novembre. Sfida delicata che la squadra del presidente Zanghì affronta in condizioni non certo ottimali. Contro i ragusani mancheranno Soldatesca, squalificato per tre giornate dal giudice sportivo, e Calarese, infortunatosi dopo due minuti di gioco al PalaAkradina. Non è un momento fortunato per gli scolari, la prestazione contro l’Aretusa meritava un altro epilogo, ma una serie di fattori non hanno permesso ai messinesi di tornare a casa con i due punti in tasca.
E’ inutile piangere sul latte versato, bisogna ripartire e pensare al prossimo avversario. La Nova Virtus è reduce dalla vittoria interna con l’Agatirno e giunge in riva allo Stretto con l’intenzione di proseguire la striscia positiva. Il team allenato da coach Di Gregorio ha raggiunto quota 10 punti in classifica e vincendo a Messina si porterebbe al secondo posto, in compagnia di Alfa ed FP Sport. Nonostante le assenze pesanti la squadra di Baldaro ha l’obbligo di centrare la vittoria, e per questo motivo ha bisogno di tutte le sue forze, compreso l’apporto dei propri tifosi, per raggiungere l’obiettivo. Il tecnico peloritano può contare su un Hodges in grande spolvero, i 22 punti messi a segno a Siracusa sono un buon biglietto da visita per il play a stelle e strisce in vista del match di mercoledì. Contro gli iblei tutti dovranno dare il massimo per tornare alla vittoria.

Team Manager Gruppo Zenith Messina Bruno Donia Sofio
Team Manager Gruppo Zenith Messina Bruno Donia Sofio

Dello stesso avviso è il team manager Bruno Donia: “Serve continuità nelle prestazioni, abbiamo registrato progressi nelle ultime due gare, in termini di intensità e coesione di gruppo. Domenica, nonostante la sconfitta, ho fatto i complimenti a tutta la squadra. Hanno dato il 100% ma non è bastato, vorrà dire che dovremo dare di più. La prova di Siracusa ci deve dare autostima e consapevolezza del fatto che se giochiamo con umiltà e coesione non partiamo mai battuti. Tuttavia dobbiamo migliorare soprattutto nella gestione dei momenti topici quando serve freddezza. Ragusa è una squadra che gioca insieme da tempo, si conoscono a memoria. Sarà una gara difficile, servirà pazienza e concentrazione dal primo minuto, evitando partenze ad handicap come quella di Siracusa. L’approccio dev’essere deciso e gagliardo”.
Palla a due per Gruppo Zenith MessinaNova Virtus Ragusa alle ore 20 di mercoledì 23 novembre al PalaTracuzzi, dirigeranno l’incontro i signori Marco Attard di Cefalù e Andrea Fava di Palermo.