Il Minibasket Milazzo riparte a settembre. In Serie D senza stranieri, spazio ai propri giovani

Fermarsi per tempo per ripartire motivati e in sicurezza. Questo il motto della ASD Il Minibasket Milazzo nell’era del Covid 19. La società del Presidente Oliva ha chiuso ogni attività ad inizio marzo in ottemperanza ai decreti federali e ministeriali, pur avendo ottime chances di ben figurare nei playoff per la promozione in serie C. La squadra di coach Bacilleri era ormai divenuta una macchina perfetta, gli stranieri erano una sicurezza e il resto del team era ben motivato e fiducioso. Senza nessuna recriminazione i vertici societari si ripromettono di riprendere le attività indoor a settembre, considerando gli scenari e i protocolli da osservare per tale data. Nel frattempo i giovani dell’under 14 e 15 hanno ripreso ad allenarsi all’aperto e con i dovuti distanziamenti guidati da coach Sigillo, in attesa di riprendere il pallone in mano, effettuando solo sedute motorie. La dirigenza ha deciso di cambiare passo, inizierà un periodo di transizione e di rodaggio dando più fiducia ai ragazzi del vivaio. Partecipare alla serie D con l’obiettivo di restarci e crescere in attesa di tempi migliori. La crisi economica post virus causerà di certo minori sponsor e contributi, per cui sarà dimensionato lo staff atletico e tecnico, puntando principalmente alla crescita dei giovani locali sia under che i senior che volessero farne parte. A giorni la società renderà noto il nuovo direttivo dirigenziale e tecnico che dovranno pensare alla logistica dei campionati Under mentre il settore minibasket sarà sempre diretto da Nello Principato e dal suo staff. Niente stranieri, niente spese pazze, ma una stagione importante per i futuri progetti.