La Moncada Agrigento non riesce a sorprendere a Scafati. Il commento fine gara di coach Franco Ciani

Vince Scafati, alla fine di una partita bella ed equilibrata, la Fortitudo Moncada non riesce a portare a casa i due punti. I biancazzurri lottano, ma perdono con il punteggio di 83 a 76. Non bastano i 24 punti di Penny Williams, Scafati riesce ad allungare nel finale e vincere l’incontro.

Dopo una prima fase di studio, le due squadre scelgono di giocare a viso aperto. Nel primo quarto Agrigento imposta la manovra con Zugno, il play ispira per Williams e la Fortitudo prova a imbrigliare la manovra di Scafati. I padroni di casa non si lasciano intimorire e grazie ai colpi di Miles e Sherrod vincono il primo periodo di gioco. Nel secondo quarto è Agrigento a partire forte, grazie a Lorenzo Ambrosin, due “bombe” del biancazzurro mettono in sesto la Fortitudo, ma non basta perché Miles e Spizzichini svegliano Agrigento, portando a casa anche il secondo periodo di gioco: 42-38. La Fortitudo non demorde, la partita è assai equilibrata e Agrigento riesce anche a portarsi a -1 grazie a Penny Williams. Agrigento tenta il sorpasso e ci riesce bene. Evangelisti subisce fallo, conquistando tre tiri liberi.

Il capitano ne indovina due e Ambrosin fa il resto: + 3 per la Moncada. La Givova non si scompone, sotto canestro è lotta tra Cannon e Miles, i campani recuperano e portano a casa anche il terzo periodo di gioco: 5-7-54. Nell’ultimo quarto è Scafati a “monetizzare” punti, accumulando un + 10, massimo vantaggio in partita, grazie a Ranuzzi. Williams e Ambrosin provano a partire in contropiede ma è Spizzichini a imporsi: 75 a 64, nuovo massimo vantaggio. Zugno va via in palleggio, servendo Cannon che prova a diminuire lo svantaggio. Nel finale Agrigento con il “solito” Pepe, prova a rimediare, ma la Givova non perde palloni velenosi e porta a casa l’incontro.

Franco Ciani: “E’ stata una partita di grande ritmo e intensità. Era uno scontro diretto tra due squadre a pari punti in classifica. Scafati è stata lucida e cinica. Da parte nostra siamo stati colpevolmente poco capace di attaccare con ritmo, cercando di creare una maggiore rapidità ed esplosività. La sconfitta nasce per qualcosa che non abbiamo fatto, dobbiamo riprendere a soffrire e lavorare”.

Givova Scafati – Moncada agrigento 83 – 76

Givova Scafati: Spizzichini 17, Santiangeli 2, Sherrod 24, Romeo 8, Ranuzzi 7, Trapni, Di Palma, Giordano, Pipitone, Antoniaci, Crow 3, Mlillo, Ammannato 11, Milles 12. All Perdichizzi

Fortitudo Agrigento 76: Guariglia 6, Ambrosin 14, Evangelisti 7, Williams 24, Cannon 8, Savoca, Lovisotto 2, Zugno 6, Cuffaro, Pepe 9. All Ciani