L’Olympia Comiso ha chiesto l’ammissione in C Gold

La dirigenza dell’Olympia Basket Comiso si è riunita ieri sera per fare il punto della situazione attuale e programmare la stagione sportiva 2022/23. Tanti gli argomenti all’ordine del giorno ma il punto della discussione è stato focalizzato sull’impiantistica sportiva e sull’attuale campo da gioco, il Paladavolos, dalle cui condizioni dipendono tanti fattori legati all’immediato futuro agonistico della società. A tal proposito la dirigenza ha deciso unanimemente di chiedere ufficialmente alla FIP Sicilia l’ammissione al prossimo campionato di serie C Gold.

Con una lettera inoltrata alla sede regionale della Federazione Italiana Pallacanestro, a firma del presidente Roberto Biscotto, la società biancazzurra ha formulato la richiesta di inclusione alla serie superiore specificando di avere l’organizzazione e le risorse necessarie per disputare al meglio il campionato. A tal proposito, in considerazione delle attuali condizioni del Paladavolos, è stata chiesta la deroga all’utilizzo del Palazzetto dello Sport per disputare le gare di serie C Gold in attesa della realizzazione di un nuovo campo da gioco avente le caratteristiche richieste dalla FIP. A supporto di tale richiesta l’Olympia ha richiamato alcuni casi avvenuti a livello nazionale, aventi situazioni simili a quella di Comiso, nei quali la Federazione ha concesso la deroga. Il caso più eclatante è quello della Polisportiva Basket Sala Consolina che ha ricevuto deroga dalla FIP Campania per potere disputare il campionato di Serie C Gold 2021-22 nel campo da gioco avente le stesse caratteristiche del Paladavolos.

Nello specifico il presidente Biscotto ha comunicato nella lettera alla FIP che la deroga è legata ad una fase transitoria. Nel mese di Gennaio 2023, infatti, è previsto l’affidamento dei lavori per il completamento dell’impianto sportivo “Palaroma” per il quale sono in corso le fasi di progettazione definitiva dopo che il Comune di Comiso ha avuto assegnato un finanziamento a fondo perduto di € 3,5 milioni di euro destinato al completamento della struttura che, si specifica ancora nella missiva, avrà tutti requisiti per la disputa di campionati a livello nazionale.

“Come dirigenza – spiega il presidente Biscotto – abbiamo deciso di fare richiesta ufficiale di ripescaggio alla FIP in considerazione dell’ottimo campionato giocato dalla squadra conclusosi con un terzo posto assoluto dopo le fasi di play off. Riteniamo di avere tutti i requisiti per poter disputare un campionato superiore e siamo fiduciosi nell’operato dell’amministrazione comunale affinché possano essere effettuati gli aggiornamenti strutturali del Paladavolos per ottenere la deroga della FIP e nel frattempo si possano realizzare nei tempi previsti i lavori di completamento del Palaroma”.