Marco Passera torna all’Orlandina

Marco Passera

Infodrive Capo d’Orlando è contenta di comunicare il ritorno a Capo d’Orlando di Marco Passera, play/guardia classe 1982. Passera è un giocatore di grande esperienza, con ottime doti balistiche e tecniche, oltre che umane. Torna in sicilia dopo l’esperienza nel 2012-2013, quando a causa di un infortunio giocò solamente 7 gare in maglia paladina. Nel suo palmares c’è la vittoria di un campionato di Legadue (Varese 2008-09), di una DNA (Brescia 2015-16), due Serie B (Soresina 2005-06 e Piacenza 2010-11) oltre che un riconoscimento personale nel 2007 come Miglior Playmaker Italiano della Legadue.

Nato a Varese il 17 Febbraio 1982, 180 cm per 75 kg, Marco cresce nel vivaio della Robur Varese. Nel 2005-06 gioca a Soresina, conquistando la promozione dalla serie B1 alla Legadue al primo anno ed il riconoscimento di miglior playmaker italiano al secondo nella categoria superiore. Nel 2007-08 firma un triennale con Pallacanestro Varese. Le sue prestazioni non passano inosservate ed il coach Recalcati lo convoca per delle amichevoli con l’Italbasket con cui colleziona ben 11 presenze. Dal 2010 al 2012 firma a Piacenza scendendo in DNA, poi l’esperienza con il club di Via Beppe Alfano con lo sfortunatissimo infortunio alla mano che ne condiziona il resto della stagione. Dopo le esperienze a Imola e Chieti, firma per la Leonessa Brescia, con cuoi nella stagione 2015-2016 conquista da protagonista la promozione in Serie A1 disputando anche la prima parte del campionato successivo. A gennaio 2017 lascia Brescia rescindendo il suo contratto, per approdare al Latina Basket società di Legadue, poi le esperienze con Reggio Calabria, il ritorno a 5 anni di distanza a Piacenza ed in terra campana a Scafati, prima di firmare nel 2019 con Rieti e dal 2020 con Latina, formazione con cui ha disputato gli ultimi due tornei di A2 ad una media di 4.7 punti e 3.6 assist.

Marco Passera

Passera torna dunque a Capo d’Orlando dopo ad una decade di distanza. L’Orlandina lo riabbraccia calorosamente, come testimoniano le parole di Antonio Sapone: «La firma di Marco conferma i nostri progetti: avevamo in mente la costruzione di una roster che rappresentasse in tutto e per tutto quello che è lo spirito di Capo d’Orlando. Passera rappresenta esattamente quel tipo di giocatore, sia a livello tecnico che umano, con enormi doti tecniche, tanta esperienza nel guidare i nostri giovani, ed un ragazzo dall’immenso livello umano».