Mondiali U17 di Saragozza, la palla a due della Finale vissuta in maniera speciale

Intervista a Roberto Vella, padre di Elena Vella, guardia della Nazionale under 17: "Il cuore batte a mille"

La siciliana Elena Vella

A seguire dagli spalti di Saragozza una figlia giovanissima che lotta per una medaglia d’oro ai mondiali under 17 di pallacanestro ci sono Roberto e Laura Vella, genitori della guardia (anno 2000) della Nazionale italiana Elena Vella. FB_IMG_1467450244728 Emozione indescrivibili per la coppia siciliana, puntualmente vista al palazzetto ad ogni partita della formazione U17 allenata da Giovanni Lucchesi. Il padre e la madre di Elena sono già abituata ad “emozioni da medaglia”, perchè spiegano: “Non è la prima esperienza di nostra figlia in un campo internazionale, l’anno scorso ha disputato l’Europeo e ci ha portato a casa una medaglia di bronzo“. Roberto Vella e la moglie sono volati in Spagna e vissuto le partite del torneo con grandissima partecipazione. “Si, siamo qui a Saragozza a tifare per nostra figlia e l’Italia – raccontano – la sensazione è indescrivibile! Si passa da momenti di estrema felicità ad altri in cui ti senti il cuore che batte a mille. Elena è molto concentrata e sta affrontando il mondiale in maniera serena. Per noi genitori è una grande soddisfazione vederla e viverla in tutti i suoi momenti“.

Con un oro o un argento al collo di certo, concluso il Mondiale, ci sarà un nuovo talento cestistico da dover far esprimere al meglio all’interno del campionato italiano. “E’ il terzo anno che Elena non vive più con noi – ci racconta Roberto Vella – . A 13 anni è andata a Priolo da Santino Coppa, poi l’anno successivo alla Stella Azzurra Roma e infine a Latina. Per il suo futuro che dire, ancora non ha preso nessuna decisione e tante società sono in attesa di risposta. Le vogliamo un mondo di bene e ci manca tanto non averla a casa“.