Nuova batosta per Barcellona, Bermè Viola RC corsara al PalaAlberti

Coach Francesco Trimboli a fine gara: "Vi garantisco che non è facile continuare ad allenarsi senza un chiaro obiettivo. Barcellona non può finire così. Questa città ha bisogno del basket a prescindere dalla categoria"

David Loubeau della Briosa Barcellon

Nuova batosta per la Briosa Barcellona contro la Viola Reggio Calabria di coach Frates , al PalaAlberti la partita termina con un eloquente 67-90. Per i padroni di casa fatale il secondo quarto.

Questa la cronaca della partita

La Viola rompe subito il ghiaccio con la tripla di Brackins. La Briosa non perde tempo e con Pellegrino e Fallucca mette la testa sopra, 5-3. Brackins ha le idee molto chiare e dove non arrivano i compagni ci pensa lui, fa a sportellate sotto le plance e pareggia i conti, 5-5. Adegboye decide di entrare in partita e lo fa portando a casa un potenziale gioco da tre punti, 5-8. Centanni e Fallucca continuano ad inseguire Reggio Calabria che nel frattempo continua a segnare con Rullo, Adegboye e Dobbins, 10-17.  Coach Trimboli convoca in panca i suoi per un time out, al ritorno sul parquet Loubeau mette in pratica i consigli dell’allenatore e realizza quattro punti consecutivi. La Bermè non si lascia intimorire e Adegboye continua a fare il buono e cattivo tempo, 14-20. Pellegrino suona la carica, Barcellona tocca il -4 ma Dobbins, Brackins e Crosariol dalla media non sbagliano e chiudono il primo periodo sul  punteggio di 16-28.

Dobbins scende in campo recitando lo stesso copione del primo quarto e realizza subito il primo canestro del periodo. Bianconi e Fallucca vengono chiamati in causa e rispondo presente incrementando  a referto cinque punti consecutivi. Dobbins, Brackins e Rullo sono macchine da canestro e portano Reggio Calabria sul +19, 21-40. Adegobye continua imperterrito a segnare dalla lunga distanza, Brackins e Rullo portano acqua al proprio mulino. Loubeau prova a contenere il gioco regino e il secondo periodo termina 35-52.  

Il terzo periodo segue lo stesso copione dei precedenti, Adegboye apre i giochi e realizza quattro punti consecutivi, intervallati dai canestri di Pellegrino e Centanni. Brackins domina sotto canestro. Loubeau prova ad accorciare le distanze, ma Reggio lascia poco spazio ai padroni di casa e il terzo periodo termina 47-70. Nel quarto quarto Migliori realizza dalla media distanza. Lupusor risponde prontamente e Brackins lo segue a ruota. Loubeau e Maccaferri provano a tenere a galla i propri compagni, ma Mordente non risparmia nessuno e Reggio continua per la propria strada. Il match termina 67-90.

Queste le dichiarazione a fine gara due due allenatori

Fabrizio Frates: Inizialmente la partita non sembrava facile. Siamo stati molto bravi ad interpretarla nel modo giusto. Era una partita ad altissimo rischio ma nonostante tutto siamo riusciti a distribuire il minutaggio e far rifiatare chi solitamente gioca quaranta minuti. Non dobbiamo pensare a quello che è stato ma dobbiamo tenere bene a mente l’obiettivo.”

Francesco Trimboli: Vi garantisco che non è facile continuare ad allenarsi senza un chiaro obiettivo. Sapete bene che per tenere alta la concentrazione ci vogliono stimoli. Sin dall’inizio eravamo consapevoli che non sarebbe stato facile raggiungere la salvezza. Lo spirito dovrebbe essere quello di scendere in campo e giocarsi la partita sempre e comunque ed è quello che abbiamo provato a fare. Io credo di poter essere soddisfatto del comportamento dei miei ragazzi, perché in campo hanno messo sempre del loro. Barcellona non può finire così. Questa città ha bisogno del basket a prescindere dalla categoria.”

 

La Briosa Barcellona – Bermè Reggio Calabria

La Briosa Barcellona: Fallucca 9, Loubeau 22, Migliori 5, Maccaferri 3, Varotta, Centanni 6, Pellegrino 10, Bianconi 8, Munafo, Pettineo 2; All.: Francesco Trimboli.


Bermè Reggio Calabria: Costa 4, Lupusor 13, Mordente 7, Adegboye 22, Rullo 9, Pandolfi, Sindoni, Crosariol 3, Brackins 24, Dobbins 8. All.: Frates

Parziali: (16 – 28);(35 – 52);(47 – 70) ;(67 – 90)