Patti contro Palestrina regge solo un quarto, finisce 70-87

Patti - Palestrina
Patti - Palestrina

Troppo forte per Patti la capolista Palestrina che resta imbattuta con sei vittorie su sei sbancando il PalaSerranò per 70-87. Patti rimane in gara per il solo primo quarto chiuso 16-17, a metà gara gli ospiti sono avanti 20-33, alla fine del terzo quarto il vantaggio di Palestrina è ancora ampio (50-66) e viene mantenuto fino alla fine, il match finisce 70-87. Bolletta 15+10 rimbalzi, Babilodze 16+6 assist, Gullo 12+8 assist, Costantino 11, espulso per doppio tecnico coach Sidoti.

Seconda sconfitta consecutiva fra le mura amiche per la Lax Assicurazioni Patti che perde 70-87 contro Citysightseeing Palestrina, squadra ancora imbattuta dopo sei giornate. Un match che è stato deciso nel secondo quarto, frazione nella quale la squadra di casa ha subito un pesante parziale dal quale è stato praticamente impossibile rialzarsi. Con questa sconfitta Patti rimane a 4 punti in compagnia di un affollato gruppo composto da: Scauri, Cefalù, Vis Roma, Forlì, Stella Azzurra Roma, Catanzaro e Teramo, lasciando dietro solo Maddaloni e Viterbo a 2 punti.
Lo Sport È Cultura, priva dell’infortunato Nino Sidoti, parte con Gullo, Babilodze, Bolletta, Costantino e Cicivè. Palestrina risponde con Serino, l’ex Rossi, Drigo, Rischia e Brenda. La squadra allenata da coach Sidoti parte senza timori e riesce a rompere il ghiaccio grazie ai canestri di Cicivè e Bolletta. La squadra laziale non trova facilmente la via del canestro ma rimane agganciata grazie soprattutto a Serino e Drigo. Nel finale di quarto un tecnico fischiato a Patti permette agli ospiti di andare sopra nel punteggio e la prima frazione si chiude sul 16-17. Nel secondo quarto la squadra di coach Lulli è più aggressiva in difesa, riesce ad alzare il ritmo in attacco trovando canestri con continuità sia in transizione che a difesa schierata. Patti subisce il colpo, non segna più, perde qualche palla di troppo in attacco e Palestrina allunga a +18. Qualche fischio discutibile innervosisce la squadra di casa che va sotto 15-35 nella seconda frazione e chiude sotto 31-52 il primo tempo di gioco. Al rientro Patti è rabbiosa e, con un parziale di 8-0 firmato Bolletta e Gullo, mette paura alla squadra laziale che reagisce con la tripla di Rischia allo scadere dei 24. Coach Sidoti viene espulso per doppio tecnico e Palestrina mantiene ampio il divario che viene accorciato solo allo scadere del terzo quarto grazie alla tripla di Gullo che sancisce il 50-66. Nell’ultima frazione la squadra di casa prova ad accorciare ma Palestrina gestisce il vantaggio maturato e non ha problemi nel portare a casa la vittoria. 70-87 il risultato finale.
Un match difficile contro una squadra costruita per ambire a traguardi importanti. L’infortunio in settimana di Nino Sidoti ha accorciato ulteriormente le rotazioni della squadra di casa che ha potuto far scendere in campo solo 6 giocatori, a parte Alessandro Sidoti ed Ettaro entrati nel finale di gara a giochi ormai conclusi. Una buona partita, in cui Patti ha fatto quello che poteva, lottando e cercando di trovare soluzioni giuste in attacco e in difesa ma la poca lucidità in determinati momenti del match ha giocato a sfavore dei ragazzi di coach Sidoti, a cui il pubblico ha riservato un grosso applauso nonostante la sconfitta, riconoscendo l’impegno dei giocatori pattesi. Onore a Palestrina per avere giocato bene e vinto meritatamente, peccato solo aver visto un metro arbitrale non equo per quasi tutto il match che ha innervosito una partita fra due squadre che sicuramente non lotteranno per gli stessi obiettivi. Adesso testa a Scauri, trasferta importante che Patti vorrà portare a casa per centrare il secondo successo esterno di fila.

Tabellino:

PATTI: An.Sidoti ne, Ettaro 2, Babilodze 16, Costantino 11, Bolletta 15, Cicive 9, Accordino ne, Al.Sidoti 2, Gullo 12, Busco 3. All. Sidoti
PALESTRINA: Rischia 10, G.Rossi 18, Molinari 9, Drigo 14, Temporin, Serino 10, Brenda 4, Gagliardo 5, F.Rossi 2, Montanari 15. All. Lulli
Parziali: 16-17, 31-52, 50-66