SERIE B. Barcellona, la Coppa Italia è alle porte. Coach Friso: “Scenderemo in campo per vincere e venderemo cara la pelle”

I tifosi del Basket Barcellona - ph Antonio Caracciolo

A sei giornate dal termine della stagione regolare in casa Basket Barcellona ci si prepara al meglio per un rush finale tutto da vivere.

Massimo Friso
Coach Massimo Friso e il Basket Barcellona (ph. Antonio Caracciolo)

Barcellona ci si prepara al meglio per un rush finale tutto da vivere. La squadra di coach Massimo Friso, archiviata la sconfitta in campionato nello scontro al vertice di due settimane fa contro Palestrina, grazie alla rotonda vittoria nell’ultima giornata contro Venafro, sta vivendo un periodo più che positivo. 6 vittorie nelle ultime 7 partite, e calendario che sembrerebbe favorire il Barcellona da qui al termine della stagione regolare. La trasferta di sabato 10 marzo contro Stella Azzurra Roma è da considerarsi vero e proprio crocevia per il prosieguo del campionato, ma soprattutto decisivo per un piazzamento in griglia play-off.

Adesso però, in casa Barcellona, è tempo di pensare alla Coppa Italia. È tutto pronto infatti per l’inedita sfida dei quarti di finale che si giocherà venerdì 2 marzo contro Piacenza, squadra che milita nel girone B. La rosa a disposizione di coach Friso è preparata e lunga a tal punto da poter essere protagonista in entrambe le competizioni ai massimi livelli e c’è molta curiosità di tastare con mano la nuova formula, come afferma coach Massimo Friso: “Sarà una vera e propria verifica – dichiara Friso – per la prima volta in Coppa Italia si mischiano i gironi e siamo molto curiosi. Ce la dovremo vedere con Piacenza che è una squadra dall’alto budget. Basti pensare alla presenza di giocatori del calibro di Rombaldoni, Stanic e del neo acquisto Maggio. Vedremo se saremo in grado di misurarci con squadre di questa levatura, quello che è certo è che scenderemo in campo per vincere e venderemo cara la pelle”.

Coppa Italia e campionato, il dispendio di energie è notevole. “Dal punto di vista fisico dopo Natale abbiamo lavorato per avere una preparazione che ci portasse ad essere in forma fino alla fine, per poter affrontare entrambe le competizioni. Abbiamo avuto un momento sfortunato a causa dell’infortunio di Brunetti e di un virus influenzale che ha colpito gran parte di squadra e staff, ma non ci siamo disuniti e abbiamo continuato a pedalare”.

Gli obiettivi prefissati dalla società li state rispettando in pieno. “Mi era stato chiesto di arrivare alle finali di Coppa Italia e ci siamo dentro, inoltre ci si aspetta il miglior piazzamento possibile nei play-off e ce la stiamo giocando alla grande”.

A proposito di campionato. Il calendario sembra essere favorevole. “La prossima gara contro Stella Azzurra è una trasferta molto insidiosa, da prendere con le pinze. La Coppa ti toglie comunque tante energie, giochiamo un giorno prima (sabato 10 marzo), per di più in trasferta, quindi i tempi di recupero si accorciano. Dobbiamo trovare le energie giuste, sarà una settimana fondamentale”.

In alcune partite come quella di Palestrina si è palesato un po’ di nervosismo. Come intende risolvere questo piccolo neo?Non possiamo innervosirci accusando le focosità del pubblico o qualche fischio arbitrale non corretto. In alcune circostanze siamo andati nel pallone e questo non deve avvenire. Dobbiamo aspettarci tanto agonismo, a maggior ragione nei play-off – conclude Friso – lì potremmo trovare delle vere e proprie bolgie. Forse sarà il caso di mettere ai miei giocatori i… tappi alle orecchie!