SERIE B. Green Basket Palermo, showtime al PalaMangano, Firenze ko 92-67

Cuore, grinta e percentuali monstre (quasi il 50% dal campo) gli ingredienti dell'undicesimo successo bianco-verde: il Green parte forte e non si guarda più indietro.

Green Basket Palermo
Green Basket Palermo

Prestazione monumentale per il Green Palermo che, davanti ad un PalaMangano caldissimo, spazza via l’All Food Enic Firenze, terza forza del girone, per 92-67 al termine di un match dominato in lungo e in largo. Tre gli uomini in doppia cifra: Di Viccaro (16) e Caronna (15) incantano, Pollone sfiora il trentello (28) giocando una pallacanestro aliena. Il capolavoro tattico di coach Bassi rende il terzo posto più vicino.

L’aria d’alta classifica frizza dentro e fuori dal campo: spalti gremiti e spettacolo sul parquet le credenziali di un match in cui Palermo e Firenze si giocano tanto del proprio cammino. Aspettative esaudite in un avvio da capogiro: Filippi sprinta per l’All Food Enic, il Green tallona e piazza il primo break sull’11-6 dopo 3’30”. Tempestini detta i tempi, Caronna domina nel pitturato e quando la difesa si chiude ci pensano Pollone e Lombardo a punire dalla distanza: il Green indossa il suo miglior abito e anima la festa volando sul 31-15 dopo 10′.

Le rotazioni dalla panchina impattano bene, le percentuali monstre al tiro annichiliscono Firenze: è show time per Palermo, che svetta sul +21 già dopo 2′ nel quarto. Di Viccaro segna a raffica dall’arco, Minoli è l’arma tattica in più in difesa: il Green non cala d’intensità ed esegue le consegne alla perfezione, bloccando sul nascere ogni timido accenno di risposta degli ospiti. Si va al riposo su un roboante 56-31, con la standing ovation del PalaMangano a suggellare un primo tempo d’antologia.

Al rientro non cambiano le gerarchie: ci si aspetterebbe una reazione di Firenze, ma è ancora il Green e spingere forte sull’acceleratore. In avvio Pollone piazza addirittura la bomba del +34, Firenze prova a mettersi in ritmo con Cuccarolo, ma le distanze sono proibitive. A margine di sicurezza acquisito, a Palermo non resta che controllare: il Green ormeggia la nave in porto col piglio da grande squadra e chiude avanti 77-44 con 10′ da giocare.

L’ampio margine consente a coach Bassi di far rifiatare un po’ tutti, mandando in campo gli under Zini (ottimo impatto con 6 punti), Micale e Mazzarella, quest’ultimi all’esordio stagionale in Serie B. Il PalaMangano rende il giusto tributo ai suoi beniamini: da brividi la standing ovation per Luca Pollone, autore di una sontuosa prova all-around da 28 punti con quasi il 70% dal campo. Nel finale Palermo tira i remi in barca, Firenze riesce così a rendere meno amaro il passivo, 92-67 il finale. In una serata magica (quasi il 50% da tre punti), il Green si gode l’ennesima impresa stagionale, dimostrando di poter sognare in grande.

Green Basket Palermo – All Food Enic Firenze 92-67
Parziali: 31-15, 25-16, 21-13, 15-23.

Green Basket Palermo: Luca Pollone 28 (7/9, 4/7), Vincenzo Di viccaro 16 (2/4, 4/7), Giuseppe Caronna 15 (7/12, 0/0), Andrea Zini 6 (0/1, 2/2), Bruno Duranti 5 (1/3, 1/2), Tommaso Minoli 5 (0/0, 1/4), Luca Savoca 5 (1/3, 1/2), Giuseppe Lombardo 5 (1/4, 1/2), Tommaso Tempestini 4 (1/2, 0/3), Madieme Thiam mame 3 (1/4, 0/1), Salvatore Mazzarella 0 (0/0, 0/0), Federico Micale 0 (0/0, 0/0). All. Bassi. Ass. Vallesi e La Licata.

Tiri liberi: 8 / 9 – Rimbalzi: 37 12 + 25 (Luca Pollone 6) – Assist: 30 (Tommaso Tempestini 10)

All Food Enic Firenze: Simone Berti 17 (6/6, 1/2), Andrea Filippi 15 (6/10, 0/1), Gino Cuccarolo 13 (4/8, 0/0), Lorenzo Passoni 8 (1/7, 1/7), Davide Poltroneri 7 (2/6, 1/8), Andrea Bargnesi 5 (2/5, 0/3), Vieri Marotta 2 (1/1, 0/0), Bogdan Milojevic 0 (0/0, 0/0), Tommaso Tintori 0 (0/0, 0/0). All. Niccolai. Ass. Del Re.

Tiri liberi: 14 / 20 – Rimbalzi: 28 7 + 21 (Gino Cuccarolo 7) – Assist: 11 (Davide Poltroneri 4)

(foto di Pasquale Ponente).