SERIE B. Green Palermo, la sconfitta casalinga contro Palestrina costringe i biancoverdi ai playout

Green, sconfitta casalinga contro Palestrina: 70-88 il finale, adesso saranno playout, la squadra di Priulla si arrende solo nel finale alla seconda forza del campionato, ora dovrà disputare i playout per evitare la retrocessione.

Il Green Basket non vuole arrendersi sino a quando a parlare non sarà la matematica, con la sua sentenza inappellabile: al PalaMangano la squadra di Priulla affronta la seconda forza del campionato, Palestrina, allenata da coach Ponticiello.

Il primo canestro del match viene segnato dopo undici secondi da Peppe Caronna, ben servito da Andrea Lombardo. Palestrina risponde con la tripla di Rischia, bravo e preciso dall’arco. Il numero 41 biancoverde parte forte e comincia a segnare canestri in rapida successione. Gli ospiti non sono da meno con Rossi e Rizzitiello: il match è veloce e gradevole, ritmi alti sul parquet. Il capitano mette dentro due canestri nel giro di pochi istanti, Palestrina si fa vedere sotto canestro con il solito Rizzitiello. Poco dopo Caronna spara una tripla da distanza notevole e porta sul +5 i padroni di casa: Ponticiello chiama timeout. I richiami del coach ospite servono perché Palestrina torna in campo aggressiva e determinata e Rizzitiello mette a referto altri tre punti. Si va al secondo quarto sul parziale di 23-24 in favore di Palestrina.

I secondi 10’ di gioco si aprono con i due punti firmati da Ochoa, bravo a smarcarsi sotto canestro. Rizzitiello punisce ancora il Green portando a casa fallo e canestro, e realizzando il conseguente tiro libero: è +6 per i laziali. Il Green risponde con l’attivissimo Romanò, che già nel primo quarto aveva fatto vedere ottime cose con recuperi in difesa e due punti a referto. Gli ospiti provano una mini fuga portandosi sul +8 grazie ai canestri di Ochoa e Carrizo, abili a eludere le marcature degli avversari. Svoboda e Dal Maso finalizzano due buone azioni corali dei padroni di casa, che restano comunque aggrappati a Palestrina. È sempre il numero 5 biancoverde a rendersi protagonista poco dopo, con una tripla siglata e anche il successivo tiro libero andato in porto per fallo subito: due sono i punti di distanza tra le squadre in campo. Si va al riposo in piena parità, 47-47 il risultato dopo venti minuti di gioco.

Il terzo quarto comincia con diversi errori, commessi da entrambe le formazioni. Ci vogliono più di due minuti per vedere il primo canestro, che porta la firma di Carrizo. Svoboda risponde per il Green, determinato a vincere anche questa domenica. Svoboda sforna una bellissima tripla, Ochoa realizza due tiri liberi. Carrizo realizza con precisione dall’arco, riportando in vantaggio gli ospiti. È davvero un bel match, con ritmi elevati e grande intensità. Carrizo è bravo a smarcarsi tra le linee biancoverdi e realizza un bel canestro da dentro l’area: +6 Palestrina e Green in lieve difficoltà. Ci pensa il leader, il capitano, che grazie ad una bella tripla riporta sul -3 i padroni di casa. Peppe Lombardo va da solo in azione personale e riporta in parità lo score. Poco dopo, suo fratello Andrea si invola in contropiede e porta in vantaggio la formazione di Priulla. Si va all’ultimo atto sul punteggio di 61-65 in favore di Palestrina.

Gli ultimi 10’ sul cronometro cominciano con una perfetta esecuzione dall’arco di Rossi, che porta sul +8 gli ospiti. Il Green non riesce a finalizzare gli attacchi, Palestrina ne approfitta con Carrizo. I padroni di casa non mettono punti a referto per quasi tre minuti, poi ci pensa Giuseppe Caronna ad interrompere il digiuno. Ma la squadra di Ponticiello sembra averne di più, soprattutto dal punto di vista realizzativo: troppi gli errori sotto canestro commessi dalla formazione di Priulla, che paga la poca lucidità nella costruzione offensiva. Carrizo sfrutta un pregevole assist di Beretta e porta il massimo vantaggio per i suoi: +16 sul tabellino quando mancano quattro minuti alla fine delle ostilità. Carrizo continua a martellare la difesa Green, realizzando una strepitosa tripla. Priulla chiama timeout, il Green non c’è più. I minuti finali servono solamente per le statistiche, i padroni di casa si arrendono a Palestrina: 70-88 il risultato finale. Il Green giocherà adesso i playout per cercare di mantenere la categoria, la prossima settimana chiuderà la regular season contro la capolista Decò Caserta.

Green Basket Palermo:

Dal Maso 11, Svoboda 9, Giancarli 9, G. Lombardo 11, Romanò 7, Caronna 13, A. Lombardo 6, Pucci 2, Mazzarella, Miccichè, Peroni 2, Medizza.