SERIE B. Il derby fra Fortitudo Agrigento e Virtus Ragusa si gioca nel ricordo di Haitem Fathallah

Fortitudo Agrigento
Fortitudo Agrigento

La Fortitudo Agrigento torna al Palamoncada dopo la sconfitta contro Ruvo di Puglia, un match importante per non perdere il treno delle migliori, per ritrovare la vittoria contro la Virtus Ragusa dell’ex Paolo Rotondo. Si torna al Palamoncada in una settimana terribilmente complicata dal punto di vista umano, la scomparsa di Haitem Fathallah che ha colpito non solo la squadra ma una città intera che si è stretta al dolore dei familiari, degli amici e di chi lo ha conosciuto. Sarà omaggiato un ragazzo straordinario e di un’educazione unica, la Fortitudo Agrigento ha deciso così di aprire le porte del Palamoncada a tutti gratuitamente con la possibilità di fare una donazione per realizzare i sogni del ragazzo.Il match contro Virtus Ragusa andrà in scena domenica 24 ottobre alle ore 18, il coach Michele Catalani ha cercato di dare la giusta carica ai suoi ragazzi: “Quella con Ragusa sarà una partita molto particolare per tutto il nostro ambiente perché rappresenterà per tante persone l’occasione per fare un ultimo saluto ad Haitem. Speriamo di essere in tanti al PalaMoncada e che la nostra partita possa essere all’altezza del ricordo di un ragazzo che se ne è andato troppo presto, lasciando un incredibile ricordo in tutte le persone che oggi ne piangono l’ingiusta scomparsa.Per quanto riguarda il campo, sappiamo che ci aspetta una gara complicata, con i nostri avversari reduci da una vittoria dopo un supplementare nel campo di Monopoli ed un inizio di campionato complessivamente molto positivo. Incontriamo una squadra che rispetto alla Supercoppa è cresciuta molto. Dopo aver recuperato appieno Picarelli che è stato assente in alcune fasi del precampionato, adesso la squadra di coach Bocchino può fare affidamento su tanti riferimenti offensivi e soprattutto su giocatori che possono fornire grande duttilità. Per noi sarà fondamentale esprimerci al meglio sotto il profilo difensivo per riuscire a controllare il ritmo della partita. Sappiamo che dobbiamo ancora crescere tanto sotto molti aspetti e questa gara deve segnare un passo avanti i termini di consistenza difensiva”.
Si unisce alle sue parole anche quelle dell’agrigentino Giuseppe Cuffaro: “Sappiamo di giocare contro una squadra che è in piena fiducia dopo un inizio positivo della stagione regolare. Sarà importante imporre il nostro ritmo, ed essere solidi in difesa. Sappiamo che ci sono delle cose da sistemare, in settimana abbiamo lavorato su di esse e studiato il nostro avversario. Domenica oltre che essere un derby, sarà una partita di speciale importanza. In memoria di Haitem Fathallah, un ragazzo che amava la pallacanestro, ma soprattutto un ragazzo d’oro, chi ha avuto la fortuna di conoscerlo sa di che pasta era fatto. Sempre con il sorriso stampato in faccia, è così che vogliamo ricordarlo”.