SERIE D. Gm Palermo vince contro Castanea e si rilancia in zona playoff

Claudio Forzano del Gm Academy Palermo
Castanea Baskey Messina – GM Basket Academy Palermo 63-79 
Parziali: 17-23; 15-23; 23-16; 8-17
16 falli Castanea
23 falli GM (3 tecnici + 1 espulsione)
CASTANEA MESSINA: Calarese 8, Rizzo, Frisone, Zaccone 2, Lungwana 23, Dell’acqua, Liksa 20, Cardillo, Diallo 3, Campanella 2, Surace 7. All.re Frisenda.
GM PALERMO: Forzano 16, M.Cerasola 8, Muratore 24, Scancarello 14, Vitale 2, Mantia 7, Mazza 6, S. Cerasola 2, Caruso. All.re Giocondo
La partita di ieri alla Palestra Comunale “Ritiro” contro Castanea era lo spartiacque per coach Giocondo e i suoi ragazzi, perché solo vincendo le possibilità di accedere ai playoff sarebbero rimaste intatte, in caso contrario si sarebbe rischiato di rimanere invischiati nella bagarre dei playout.
Seppure decimati dalle assenze con soli 9 giocatori a referto, la GM ha approcciato la gara con una intensità altissima che ha spiazzato i padroni di casa, che in meno di tre minuti di gara si sono trovati sotto 14-2. Ad accorciare ancora di più le rotazioni della GM una botta al ginocchio costringeva Massimiliano Cerasola in panca per lungo tempo, ma i fratelli Mazza hanno fatto cose egregie e tenuto alto il livello della prestazione della squadra.
Un brutto infortunio alla mano ha privato Castanea del suo leader Calarese, coach Frisenda ha chiesto a Lungwana e Liksa di guidare la rimonta, ma i due sono più finalizzatori ed alla lunga il carisma nel playmaking di Calarese si è fatto sentire, specie alla distanza quando la stanchezza aveva appesantito le gambe.
La GM ha sfoderato una gara maiuscola, Forzano, Muratore e Scancarello vere spine nel fianco della difesa messinese, ieri erano praticamente inarrestabili, ma anche dalla panchina sono arrivati punti e tanta sostanza in difesa con Mantia e Vitale.
Un crescendo nei primi due quarti ha portato all’intervallo lungo al +14 per la GM in totale controllo della gara. Ad ogni tentativo di rimonta di Castanea, sempre generosissima in campo e con uno stupendo e caldo pubblico ad incitare i suoi beniamini, puntuale arrivava la risposta della GM con transizioni efficaci e puntuali. Nel terzo periodo l’ultimo vigoroso tentativo di Castanea di rientrare in partita con Lungwana e Liksa veramente dominatori del periodo, con in più la scriteriata e folle espulsione di Forzano da parte del primo arbitro Foti che ha punito il giocatore per avere difeso un suo compagno a terra, un fischio fuori competenza visto cha le sua collega era già sul posto ad amministrare la situazione assolutamente tranquilla. ma anche di fronte a questa criticità la GM non si è scomposta ed ha rintuzzato colpo sui colpo riuscendo a chiudere il periodo sul +9. A quel punto la fatica ha avuto il sopravvento sulla lucidità di Castanea, che costretta sempre ad inseguire ha visto il proprio motore iniziare a battere in testa con tanti errori in attacco e soprattutto mollando la presa in difesa. A quel punto gli eroici “Giocondo boys” hanno approfittato per chiudere la partita con un perentorio 17-8 parziale. Una vittoria, larga nel punteggio ma molto più sofferta di quanto possa apparire leggendo le statistiche. Una vera battaglia su entrambe i lati del campo, sempre corretta, spigolosa e maschia ma corretta, rovinata da un’atteggiamento supponente spesso sfociato in arroganza specialmente del primo arbitro che spesso si ergeva a giudice supremo con fischi incomprensibili per i presenti.
Un balzo in classifica importantissimo per la GM che stacca le sue dirette concorrenti, spera di potere sfruttare un turno a suo favore dovendo giocare contro l’orizzonte, che seppure in coda alla classifica è da affrontare con il massimo rispetto e attenzione perché non regaleranno nulla essendo oltretutto un derby. Aspettando notizie dagli scontri diretti della prossima giornata. Intanto la GM guarda tutti dal piano di sopra, gli altri ci dovranno raggiungere.