SERIE D. Preziosa vittoria della GM Palermo, i 50 punti di Pizzo non bastano a Marsala

Marco Mazza della GM Palermo

PALAMEDIPOWER MARSALA – GM BASKET ACADEMY PALERMO 75 – 78

PARZIALI: (14-19; 20-23; 20-14; 21-22)

FALLI: 31 MARSALA – 28 GM BASKET

MARSALA: KAMMOUN 6, AMATO F., PIZZO 50, ALAGNA, GERARDI, MONTALBANO 3, GUCCIARDI, FRISELLA 7, AMATO A. 9, SCIRE’, MATTEUCCI. ALL.RE: GRILLO

GM BASKET PALERMO: MURATORE 16, MAZZA 11, FORZANO 16, SORCE 18, BIONDO 7, LANFRANCHI 7, CERASOLA 2, MANTIA 1, SCANCARELLO, VITALE, CARUSO, ALU’. ALL.RE: GIOCONDO

 

Preziosissima vittoria esterna per la GM Basket Academy che al termine di una battaglia di 40 minuti vince sul difficile campo di Marsala.

Vittoria meritata per la GM di coach Giocondo, sempre avanti nel punteggio fin dal primo quarto contro un Marsala mai domo, spinta da un’immenso Pizzo in versione Steph Curry, autore di 50 punti.

Marsala con tante assenze dovute ad infortuni e squalifiche alle quali ha sopperito con il vigore e la tenacia tipiche delle squadre allenate da coach Grillo.

GM alla ricerca di una prestazione senza strappi né cali di concentrazione nei 40 minuti.

Ne è venuta fuori una partita durissima, combattuta a viso aperto da entrambe le squadre con una leggerissima inerzia sempre a favore della GM annullata da un gran terzo periodo di Marsala che alla fine del tempo fissava il punteggio sul 56-54 per gli ospiti, con un quarto periodo dove ci si sarebbe giocati la vittoria finale.

Ultimo periodo che ha sancito un grande equilibrio nel punteggio, con nessuna della due squadre che riusciva ad allungare. Un paio di sorpassi di Marsala intorno a metà tempo sempre rintuzzati da Forzano e compagni, bravi a mantenere la testa freddissima in un momento della partita molto difficile da affrontare con Marsala all’arma bianca sostenuto dal suo pubblico nel tentativo di conquistare i due punti.

A spezzare l’equilibrio sul 71-70 per i padroni di casa un break da 4 punti  di Massimo Sorce che dava un possesso di vantaggio alla GM. Vani i tentativi di Marsala con i falli sistematici per fermare il tempo sempre puniti dalla precisione chirurgica di Forzano in lunetta.

Finisce con l’ultima preghiera lanciata da metà campo da Pizzo senza esito e tutta la GM in campo a festeggiare una vittoria che dà tanta fiducia ed autostima alla squadra, reduce da prestazioni troppo discontinue. Molte cose ancora da rivedere in casa GM, lo staff tecnico dovrà lavorare parecchio in settimana per sistemarle, anche perché domenica al palamangano arriva la corazzata Milazzo di coach Maganza, contro cui bisognerà andare ben oltre il 100% per sperare di potere avere chances di vittoria.