SUPERCOPPA SERIE A2. Pallacanestro Trapani ribalta il -32 e vince 95-94 contro l’Orlandina

Andrea Renzi

Parziali: (10-39; 38-54; 68-78; 95-94).

2B Control Trapani: Palermo 5 (1/3; 1/2), Corbett 16 (3/6; 3/7), Renzi 16 (5/11; 0/1), Mollura 17 (5/8; 1/1), Spizzichini ne, Basciano ne, Piarchak ne, Erkmaa 3 (0/2; 1/3), Tartamella, Adeola 17 (6/7; 1/3), Pianegonda 8 (1/1; 2/4), Powell 13 (5/12; 1/2). Allenatore: Daniele Parente.

Orlandina Basket: Taflaj 13 (1/1; 2/3), Gay 3 (0/1; 1/3), Floyd 33 (10/15; 3/8), Laganà 11 (1/2; 3/5), Johnson 11 (4/11; 2/3), Del Debbio, Tintori, Bellan, Fall 12 (4/6), Moretti 4 (2/2). Allenatore: Marco Sodini.

Arbitri: Cappello, Tarascio, Raimondo.

 

TRAPANI. Vittoria in rimonta per la Pallacanestro Trapani. Una partita che ha visto tutto ed il contrario di tutto: i granata si trovavano in svantaggio di ben 32 punti al primo quarto ma, grazie all’apporto dei tanti giovanissimi, pian piano recupera il gap e trova il primo vantaggio al trentottesimo. In un finale punto a punto, l’Orlandina sciupa l’ultimo possesso e Trapani conquista la vittoria per 95-94. Per la formazione trapanese primi due punti in Supercoppa dopo una grande reazione.

1° QUARTO: Coach Parente schiera il quintetto formato da Palermo, Tartamella, Corbett, Mollura e Renzi. Sodini risponde con Laganà, Floyd, Bellan, Johnson, Fall. Il primo canestro della partita è di Johnson a cui risponde Corbett dall’area. Alla tripla di Laganà segue la schiacciata poderosa di Renzi. Laganà fa uno su due dalla lunetta, mentre Mollura, dopo aver recuperato il pallone impatta momentaneamente il punteggio (3’ 6-6). I nove punti consecutivi di Fall, Floyd e Johnson riportano l’Orlandina avanti, con coach Parente costretto al time-out (5’ 6-15). Alla ripresa del gioco i biancazzurri scagliano quattro bombe con Johnson, Floyd e Laganà, intervallate solamente da un canestro da sotto di Palermo, ex di turno. Floyd appoggia il più ventuno (7’ 8-29) e Parente chiama un nuovo minuto di sospensione. L’Orlandina ha un altro ritmo e realizza ancora con Floyd, Moretti e Johnson. Nel finale girandola di tiri liberi per Renzi e Taflaj, con il quarto che termina 10-39.

2° QUARTO: La gara riprende con le triple di Mollura e Taflaj, mentre Renzi ha realizzato dall’area. Sodini non vuole abbassare la guardia e chiama time-out sul 15-42 (12’). Al canestro di Renzi seguono cinque punti consecutivi di Floyd (14’ 17-47). Renzi mette a segno i tiri liberi, mentre Pianegonda va fino in fondo in transizione. Le percentuali si confermano elevate per l’Orlandina dal tiro dai 6,75 con il tentativo realizzato da Gay. Si sblocca la Pallacanestro Trapani da tre punti con Powell e Corbett, che portano Sodini al time-out (16’ 28-50). Il gioco riprende con i canestri dall’area di Fall e Adeola, mentre Mollura e Corbett portano Trapani sul meno sedici (20’ 38-54).

3° QUARTO: Al canestro di Mollura risponde Floyd con un gioco da tre punti. Powell prova ad accorciare le distanze, ma ancora Floyd scaglia una bomba (24 punti per lui al momento). Il canestro di Mollura porta Sodini al time-out (24’ 46-61). Dopo la conclusione di Johnson, Renzi, Mollura e Adeola sono chirurgici dalla lunetta, mentre l’arresto e tiro di Adeola rimettono Trapani in gara sul meno 9 (26’ 54-63). La gara si accende con le triple di Floyd, Pianegonda e Taflaj, mentre Johnson mette a segno il tap-in del 57-71 (27’). Dopo il time-out di Parente, Mollura, Powell e Adeola da sottocanestro appoggiano al vetro due punti ciascuno. Nel finale del quarto il canestro di Mollura porta Trapani sul meno sei, ma Taflaj con cinque punti rispedisce al mittente l’offensiva granata. Con la tripla di Pianegonda ed il canestro di Fall, il terzo quarto termina 68-78.

4° QUARTO: Renzi e Adeola portano Trapani sul meno tre. La striscia di sette punti consecutivi per i granata viene interrotta da Floyd che mette a segno tre canestri consecutivi, intervallati dal tiro dalla media di Corbett. Le triple di Corbett e di Palermo fanno ben sperare Trapani che può giocarsi le sue chance (34’ 83-84). Dopo il time-out di Sodini, Fall fa due su due dalla lunetta, mentre Powell realizza da sotto. Alla tripla di Laganà rispondono Erkmaa e Corbett con le loro bombe che portano Trapani per la prima volta in vantaggio (38’ 93-89). Sodini chiama un minuto di sospensione, ma il controllo appare dei granata, che ad un minuto realizzano una schiacciata con Powell. Capo D’Orlando non molla, Johnson mette tre tiri dalla lunetta e Laganà accorcia poi sul meno uno. Capo D’Orlando sbaglia l’ultimo tentativo e la Pallacanestro Trapani vince 95-94.

 

Dichiarazioni

Marco Sodini (coach Orlandina): “Credo che questa sconfitta può servirci come insegnamento. Non posso essere contento della prova nella seconda parte di gara ma. non lego il calo difensivo con quello atletico. Sono convinto che potremo reagire in vista dell’inizio del campionato. È un anno strano, tutte le squadre hanno iniziato la preparazione con tempi diversi. Credo che le siciliane faranno la propria parte anche nel nuovo girone, anche grazie alla lungimiranza di due proprietà che credono tanto nei loro progetti tecnici”.

Daniele Parente (coach 2B Control Trapani): “Abbiamo subito lo stop di sette mesi ed è inaccettabile presentarsi come abbiamo fatto. La parte positiva sta nel fatto che abbiamo rimontato 32 punti credendoci fino alla fine. Dobbiamo lavorare su tutto, perché non possiamo vincere le gare a 90 punti. Sono contento delle prestazioni dei giovani: hanno dato fiato ai senior, capaci poi di vincere la gara. La Pallacanestro Trapani ha bisogno di tutti e dieci giocatori per giocare al meglio. Floyd è uno scorer che ha molto talento: il nostro piano difensivo non ha funzionato ma coi giovani siamo stati capaci di reggere l’urto. Powell e Corbett sono i giocatori che stanno accusando di più la preparazione ma confido che possano mettersi al pari in breve tempo”.