Susanna Stabile lascia il basket giocato. La lettere del presidente Fip Sicilia Riccardo Caruso

Susanna Stabile lascia il basket giocato. La lettere del presidente Fip Sicilia Riccardo Caruso
Susanna Stabile lascia il basket giocato. La lettere del presidente Fip Sicilia Riccardo Caruso

In occasione dell’ultima giornata di campionato di serie A2 Femminile, il Presidente Riccardo Caruso dedica una lettera alla siciliana Susanna Stabile che ieri è scesa in campo per l’ultima volta con la maglia del Basket Carugate chiudendo così la sua straordinaria carriera di atleta.
Che dire di Susanna che ho conosciuto quando ancora ragazzina, iniziò a giocare nelle squadre giovanili di Partinico mostrando sin da allora le grandi doti che l’avrebbero portata a militare con grande merito nelle massime serie del basket femminile italiano, a vestire la maglia della Nazionale, ad essere certamente una presenza di notevole spessore nel panorama cestistico femminile.
L’esordio non ancora sedicenne in serie A1 nell’Alcamo a fianco di atlete come Cynthia Cooper, l’aver militato da protagonista in oltre un ventennio in alcune delle più prestigiose società di serie A1 ed A2, l’aver vestito diverse volte la maglia azzurra la dicono lunga su chi è Susanna Stabile ma dicono anche che una carriera così non si realizza se non si ha grande talento, impegno, serietà, spirito di sacrificio e una grande passione o meglio amore per la palla a spicchi, tutte cose che indiscutibilmente sono da sempre nel DNA della nostra Susanna.
Per tanti anni hai giocato in formazioni lontane dalla nostra isola ma sono sicuro che le sei rimasta legata affettivamente e posso assicurarti che la Sicilia del Basket ti ha sempre seguita con affetto, ammirazione e, perché no, orgoglio; è con questi sentimenti che questo Comitato Regionale, che mi onoro oggi di rappresentare, ha voluto conferirti qualche anno fa il premio “Donia” destinato ai migliori talenti cestistici della nostra terra.
Il momento dell’addio al rettangolo di gioco è sempre un momento difficile per ogni atleta che vi ha lasciato tanto sudore, vissuto gioie e delusioni, vittorie esaltanti e sconfitte amare ma sono sicuro che smessi i panni di giocatrice continuerai a starci dentro, magari in altri ruoli, poiché il tuo grande bagaglio di tecnica, di esperienza deve rimanere in un ambiente, quale quello del basket femminile, che ha bisogno di tutte le sue migliori energie per crescere e migliorare.
Un saluto affettuoso, un grande abbraccio da me e da tutta la Sicilia del Basket ed un sentito in bocca al lupo per il tuo futuro.