Trapani-Ferentino in sala stampa, Ducarello: “Dobbiamo giocare con più energia e aggressività”

Ugo Ducarello
Ugo Ducarello al "Città di Ferentino"

Pallacanestro Trapani-Ferentino in sala stampa:

Luca Ansaloni (coach Ferentino): “E’ stata una partita estremamente equilibrata e combattuta. Alla fine abbiamo avuto a disposizione un tiro in più e lo abbiamo sfruttato nella maniera migliore. I miei complimenti vanno a Trapani, che ha giocato con coraggio, con tutte le difficoltà che il roster rimaneggiato le ha imposto. Se fosse stato possibile, sarebbe stato giusto dare la vittoria a entrambe le squadre. Abbiamo fatto una grandissima partita e siamo felici del risultato che abbiamo conquistato. Siamo stati bravi soprattutto a non disunirci nei momenti in cui la sfida sembrava scapparci di mano e alla fine l’abbiamo spuntata. Il contributo di Carnovali è stato importante e siamo felici per lui. Adesso è difficile parlare di obiettivi: ci interessa giocare al massimo ogni domenica, per piazzarci meglio che potremo alla fine della stagione regolare”.

Ugo Ducarello (coach Pallacanestro Trapani): “Di sicuro siamo rammaricati per l’ennesimo problema fisico patito da un nostro giocatore. Tommasini ha avuto un fastidio muscolare durante il riscaldamento e alla fine il suo utilizzo è stato fortemente limitato. Non è stato facile affrontare questa situazione, dal punto di vista tecnico ed emotivo. Abbiamo giocato i primi venti minuti con poca energia e c’è stata qualche ingenuità di troppo in attacco. Nel secondo tempo siamo andati molto meglio, su entrambi i lati del campo. Poi, alcuni dei loro giocatori sono entrati in striscia e tutti conosciamo il talento a disposizione di Ferentino. Nel finale siamo stati condannati da un paio di scelte e Bowers ci ha punito. Al di là del risultato, ci auguriamo tutti che la situazione di Tommasini non sia grave e che possa giocare già a Casalpusterlengo. L’inserimento di Okoye è stato soddisfacente e siamo sicuri che potrà darci una grande mano: stasera è stato quello che giocato con più energia e aggressività. Tutti dobbiamo ritrovare questo stesso atteggiamento, perché nel basket lo spirito con cui si affronta la gara fa la differenza e per noi quello emotivo diventa un aspetto fondamentale, a questo punto del campionato. Dovremo trovare le forze per reagire e speriamo di avere anche un pizzico di fortuna in futuro”.