Trapani gioca una buona partita ma Siena è più lucida nel finale, sconfitta 86-75

La Palla a due di Trapani-Mens Sana

Ee

ON Sharing Mens Sana Siena vs 2B Control Trapani 86-75

Parziali: (17-25; 41-41; 60-58; 86-75)

ON Sharing Mens Sana Siena: Morais 25 (8/9, 2/5), Poletti 14 (3/5, 2/6),Pacher 12 (5/7, 0/1), Sanguinetti 8 (2/3, 0/1), Marino 7 (1/2, 1/7), Cepic 5 (1/1, 1/4), Radonjic 5 (1/1, 1/2), Prandin 4 (2/3), Ranuzzi 4 (1/1), Lupusor 2 (1/1,), Del Debbio (0/1 da tre), Ceccarelli ne.
Allenatore: Paolo Moretti.
Assistenti: Federico Campanella e Filippo Franceschini.

2B Control Trapani: Renzi 24 (8/12, 2/3), Clarke 22 (5/8, 3/9), Ayers 8 (3/3, 0/6), Miaschi 7 (1/3, 1/4), Mollura 6 (1/3, 1/2), Czumbel 4 (0/1, 1/1), Pullazi 3 (1/2), Nwohuocha 1 (0/3), Giorgio Artioli, Roberto Marulli ne.
Allenatore: Daniele Parente.
Assistente: Fabrizio Canella.

Arbitri: CAFORIO ANGELO di BRINDISI (BR); MAFFEI LUCA di PREGANZIOL (TV); MOTTOLA CHRISTIAN di TARANTO (TA).

SIENA. Al PalaEstra di Siena la On Sharing batte Trapani 86-75. Partita giocata bene da Trapani per i primi 2 quarti prima di subire il rientro dei padroni di casa. Nel finale Siena, potendo giovarsi del fatto di avere una panchina più lunga, è arrivata più riposata ed ha gestito al meglio i possessi decisivi. I granata, però, hanno poco da recriminare ed hanno pagato soltanto un po’ di stanchezza nel finale, giustificata dal fatto di essere arrivati a Siena a notte fonda. Tra i singoli per la 2B Control Trapani 24 punti di Renzi e 22 di Clarke. Per Siena si sottolinea la prestazione maiuscola di Morais (25 punti) e la lucidità offensiva nei possessi decisivi di Tommaso Marino.

1°Quarto: Parente conferma il quintetto di domenica scorsa e schiera Clarke, Miaschi, Ayers, Pullazi e Renzi. Coach Moretti risponde con Marino, Prandin, Morais, Pacher e Poletti. Il primo canestro della gara è di Morais che realizza dalla media distanza, risponde Renzi dopo un pick and pop dal mezzangolo. Prandin ed ancora Renzi, prima da sotto e poi dalla lunga distanza, vanno a segno (3’ 4-7). La penetrazione di Rotnei Clarke porta Trapani sul +5, Siena, però, non molla e realizza. La schiacciata di Renzi (9 punti in questo avvio) fa chiamare un minuto di sospensione alla panchina senese (4’ 6-11). Al rientro Clarke piazza una bomba ma Morais realizza da sotto. Ancora Clarke, però, riesce a trovare la via del canestro con una penetrazione prima che Sanguinetti si iscriva a referto. Nell’altra metà campo si registrano 5 punti di Miaschi, Siena risponde con il canestro di Prandin e con la tripla di Poletti. Renzi mette una nuova bomba. Nel finale Siena accorcia le distanze con Ranuzzi, prima del fallo antisportivo di Sanguinetti: la prima frazione di gioco si chiude 17-25.

2°Quarto: Si riprende a giocare con i primi due punti del match di Lupusor, ma Trapani è precisa prima con Clarke e poi con Pullazi che mette a segno un gioco da tre punti (12’ 19-30). L’ex di turno Tommaso Marino, e poi Pacher, accorciano le distanze, facendo chiamare un minuto di sospensione a coach Parente (13’ 23-30). Al rientro, Morais è prima chirurgico dalla lunetta, poi mette a segno una penetrazione e pareggia l’incontro con una bomba (15’ 30-30). I liberi di Pacher sigillano il primo vantaggio biancoverde. Continuano le difficoltà dei granata: Cepic mette una bomba, ma i canestri di Renzi danno linfa ai propri compagni (17’ 35-34). Dopo il time-out di coach Moretti, Miaschi e Sanguinetti fanno due su due ai liberi. Pacher, nonostante l’ottima difesa di Trapani, riesce a mettere a segno un canestro dalla media distanza allo scadere dei 24 secondi. Nel finale ancora Pacher fa ancora male alla difesa granata, ma Ayers e Mollura allo scadere, riescono ad iscriversi a referto e a pareggiare l’incontro. Intervallo 41-41.

3°Quarto: Dopo la pausa lunga Clarke piazza una bomba, a cui segue però un canestro dalla media distanza di Poletti. Renzi risponde al lungo ex Casalpusterlengo, ma la tripla di Marino pareggia nuovamente l’incontro. Il quarto fallo di Rei Pullazi e poi di Curtis Nwohuocha complicano le scelte di coach Parente (22’ 46-46). Alla schiacciata a una mano di Renzi segue la penetrazione di Pacher. Siena cerca l’allungo con Morais che realizza una bomba e poi con Poletti che va a segno da sotto, costringendo coach Daniele Parente ad un time-out (24’ 53-48). Alla ripresa Mollura è preciso dalla lunga distanza e poi subisce un fallo antisportivo commesso da Morais. Mollura fa 1/2 dalla linea della carità, mentre Ayers è preciso dalla lunetta. Lo step-back di Morais riporta Siena in vantaggio. Nel finale continua l’equilibrio, Trapani va a segno con le transizioni di Renzi e Ayers, mentre la Mens Sana con Poletti, Morais e Sanguinetti ai liberi. Al 30’: 60-58.

4°Quarto: Alla ripresa Radjonic è bravo a farsi trovare pronto sottocanestro, ma Clarke riesce a portare a segno un gioco da tre punti. Radjonic, però, mette una bomba dalla posizione di guardia e poi ancora Poletti realizza dall’area (33’ 67-61). Trapani cerca di accorciare le distanze con i liberi di Clarke, ma la bomba di Poletti rispedisce l’attacco granata al mittente. Trapani non molla e Czumbel realizza una tripla prima dei liberi di Renzi. I canestri di Morais dal mezzangolo rispediscono Trapani sul -6. Cepic porta a segno un contropiede e Parente preferisce chiamare a sé i propri giocatori (37’ 76-68). Alla ripresa Clarke cerca di riportare Trapani in gara, ma i canestri di Sanguinetti, Pacher e Morais chiudono il match. Finale 86-75.

DICHIARAZIONI

Daniele Parente (coach 2B Control Trapani): “La differenza l’hanno fatta i tanti rimbalzi che abbiamo concesso loro ed il fatto che abbiamo sbagliato dei tiri aperti nonostante delle buone manovre offensive. L’uscita per falli dei nostri lunghi che solitamente ci danno tanto atletismo ci ha molto penalizzato. Siena è una squadra forte e con tanta esperienza e poi giocare al PalaEstra non è mai facile per nessuno. Da parte mia ho comunque visto una squadra in crescita”.

Paolo Moretti (coach ON Sharing Mens Sana Siena): “A fine partita sono entrato nello spogliatoio ed ho fatto i complimenti ai ragazzi. Nella prima metà gara non riuscivamo ad essere aggressivi come avevo chiesto ma nella ripresa, pur non cambiando nulla da un punto di vista tattico, abbiamo aumentato il nostro livello di concentrazione ed alla fine abbiamo sfiancato le bocche da fuoco di Trapani arrivando più lucidi nel finale”.