“Un canestro di Sicilia”: ultime ore per promuovere gratis le aziende siciliane alle F4 di Ferentino

Promuovi gratis la tua azienda nel Lazio grazie all'iniziativa dell'Orsa Barcellona

Vuoi sponsorizzare gratuitamente la tua aziende alle Final Four di C Silver organizzate a Ferentino? L’Or.Sa Barcellona è il tuo tramite!

Da squadra siciliana che vuole portare in altro il nome della Sicilia ovunque in Italia, l’Or.Sa prosegue il suo impegno anche fuori dal parquet avviando “Un canestro di Sicilia”, progetto a favore della promozione dei prodotti regionali.

Aderisci all’iniziativa promossa dalla società barcellonese inviando un semplice messaggio o con una telefonata al numero 3469436680 e consegna un campione entro mercoledì 29 maggio. Permetterai al tuo prodotto di essere distribuito alle squadre che l’Or.Sa Barcellona affronterà durante gli spareggi promozione per la Serie B dell’1-2 giugno.

Pubblicizza la tua azienda gratis alle Final Four di Ferentino, invia un messaggio o chiama l’Or.Sa Barcellona e fai conoscere il tuo prodotto nel Lazio. Ne basta un campione per valorizzare la tua azienda fuori dalla regione.

Perchè è importante aderire ce lo spiega già il signor Enzo Catania, titolare dell’Arte della Pasticceria a Fondachelli Fantina (ME), che ha già aderito a “Un canestro di Sicilia”.

Nella nostra famiglia la pasticceria è una tradizione. La mia gestione è iniziata nel 1993, ma mio padre ha fondato l’attività nel 1953, sono passati quindi oltre 60 anni. Proprio con la mia famiglia mi sono avvicinato all’Or.Sa Barcellona, da ex abbonato del Basket Barcellona. Per caso su Facebook ho visto l’evento di una delle partite e ho voluto fare ai miei due figli una sorpresa (sono appassionati di basket); li ho portati al PalAlberti. Ho seguito solo le ultime due partite per via del lavoro e mi dispiace non aver potuto fare di più. Ho avuto modo di conoscere coach Beto Manzo e i ragazzi, li ho inviatati anche i pasticceria, ho ricevuto da loro un pallone firmato. Se c’e una speranza per salire in Serie B serve sfruttarla fino in fondo. Ognuno di noi ogni giorno fa tante cose, perché non farne qualcuna per loro? Questi ragazzi meritano di essere sostenuti”.