Virtus Kleb, vittoria sfumata: passa Desio al PalaPadua 81-83

La Virtus Ragusa scende in campo nel suo fortino per affrontare l’Aurora Desio, partita valevole per la settima giornata del campionato nazionale di Serie B. I ragusani calcano il parquet casalingo con la consapevolezza di dover far bene per acquisire punti in classifica e per l’umore.

Partenza soft per le squadre in campo. Ragusa e Desio si guardano a distanza e si studiano per prendersi meglio le misure. I primi punti sono messi a referto dalla linea della carità per mano di Cassar seguito da Gaetano che trova un varco libero e ne approfitta. I lombardi trovano in Maspero un punto di riferimento per iniziare a muovere i primi passi sul tabellone. Ianelli mostra subito i muscoli portando punti al proprio paniere. Ma sarà Simon che infiammerà il pala Padua con una schiacciata dopo assist di Gaetano. Ragusa mette la marcia più alta e si fa avanti non permettendo agli ospiti di agire sul pitturato. Coach Gallazzi chiama time-out per spezzare il ritmo partita ma questo non interrompe la striscia positiva degli iblei che piazzano un break di 12 a 0. Maspero tiene a galla i suoi mettendo dentro tutti i punti finora realizzati da Desio sia dall’area che da fuori. Ianelli in serata di grazia dall’arco finalizza dopo azioni ben costruite dal pitturato. Fumagalli e Mazzoleni danno il loro contributo fattivo e cosi riescono a mettere punti a referto permettendo alla propria compagine di gioco di avvicinarsi ai ragusani. 

Il secondo quarto si apre con i due punti dalla media di Milojevic a cui risponde dopo pochi secondi da fuori area Fioravanti. I ritmi si fanno più serrati e Desio vuole recuperare terreno. Capitan Sorrentino però lancia un messaggio chiaro agli ospiti piazzando una tripla di potenza. E cosi gli uomini di coach Bocchino proseguono spediti mantenendo un certo divario con gli ospiti. Mazzoleni prova a dare una scossa al suo team ma la difesa iblea è coriacea e non permette ai lombardi di agire in area. Simon si rende protagonista di una stoppata su Molteni che infiamma ancora di più gli animi dei giocatori locali. Cassar e Gaetano gestiscono le ultime palle finalizzando prima di andare negli spogliatoi.

Al ritorno dal riposo lungo Cassar piazza subito un break di 5 a 0. Alle sue spalle Sorrentino che da fuori area è implacabile. I lombardi si riaffidano  nuovamente a Maspero che piazza tre triple in meno di 1 minuto riportando al 25’ la sua compagine di gioco  a -7. Coach Bocchino chiama subito time-out per rischiarire le idee ai suoi e per riorganizzare il gioco.  Desio ci crede fortemente e spinge il piede sull’acceleratore e azione su azione attua una rimonta straordinaria portandosi a sole 2 lunghezze dai padroni di casa. I ragusani accusano il colpo e provano ad uscire fuori dall’empasse. Ianelli si libera dall’angolo e piazza una tripla che dà ossigeno ai ragusani. I lombardi però non mollano minimamente la presa e corrono all’assalto dell’area iblea bombardando di più da fuori area. Gli animi si scaldano e si gioca punto a punto. Desio vuole superare a tutti i costi Ragusa ma al suono della sirena che decreta la fine del terzo quarto gli iblei sono ancora avanti di 2 lunghezze.  

L’ultimo quarto parte in maniera esplosiva. Desio torna nel rettangolo di gioco più agguerrita che mai e vuole il sorpasso che trova nel primo minuto per mano di Giarelli che piazza una tripla dall’angolo (68-69). I ragusani accusano il colpo ma rimangano attaccati alla partita. Gaetano dalla media realizza ristabilendo un esiguo vantaggio. Il nervosismo comincia a farla da padrone e cominciano a fioccare falli in entrambi gli schieramenti. Desio ci crede fermamente e rimane fortemente lucida. Molteni riesce a trovare un varco libero in area locale e ne approfitta. Al 36’ sarà sempre Giarelli a sfruttare una distrazione ragusana per il nuovo sorpasso (76-77). E così gli uomini di coach Gallazzi si galvanizzano  e in meno di 1 minuto con Giarelli e Molteni si portano avanti a +6. La Virtus deve tirare fuori dal cilindro tutte le carte non ancora giocate per ribaltare il match. Ci prova Cassar che realizza dalla lunetta seguito da Ianelli che mette dentro una tripla che permette ai ragusani di rimanere attaccati a Desio. L’ultimo minuto è al cardiopalma. Nessuna delle due compagini di gioco vuole dare il lasciapassare all’altra e si corre a velocità raddoppiata.  Fumagalli raccoglie una palla persa e corre verso canestro ma viene stoppato di potenza da Simon a 9” dalla fine dell’incontro. Molteni subisce fallo da Milojevic e dalla lunetta ne mette dentro 1 su 2. L’ultima azione si gioca nell’area ospite ma Ragusa non riesce a trovare la retina e cede il passo a Desio con il risultato finale di 81 a 83.

«Complimenti a Desio per la rimonta – commenta a fine match coach Bocchino – che ha per permesso loro di vincere la gara. Noi abbiamo fatto i nostri soliti errori che ci ha visto sprecare il vantaggio che avevamo acquisito nei primi 20 minuti del match in cui abbiamo giocato un buon basket. Sappiamo che le nostre assenze pesano e conosciamo bene i nostri punti deboli e su questi dobbiamo lavorare ancora più sodo per guardare avanti e in modo più concreto».

 VIRTUS RAGUSA – RIMADESIO DESIO: 81 – 83

VIRTUS RAGUSA

Giovanni Ianelli 25 (3/6, 5/7), Andrea Sorrentino 19 (1/1, 4/8), Kurt Cassar 15 (4/8, 1/3), Franco Gaetano 13 (5/13, 0/1), Matteo Zanetti 5 (1/1, 0/3), Simon Ugochukwu andrew 2 (1/1, 0/2), Bogdan Milojevic 2 (1/2, 0/1), Vincenzo Festinese 0 (0/0, 0/0), Filippo Valenti 0 (0/0, 0/0), Giovanni Tumino ne, Enrico Mirabella ne, Giovanni Guccione ne

Coach Bocchino

RIMADESIO DESIO

Giacomo Maspero 29 (4/5, 7/8), Andrea Mazzoleni 14 (3/5, 1/3), Carlo Fumagalli 10 (5/9, 0/5), Gabriele Giarelli 10 (2/7, 2/2), Matteo Tornari 9 (1/2, 2/6), Matteo Fioravanti 6 (1/4, 1/3), Mattia Molteni 5 (2/4, 0/5), Lorenzo Lovato 0 (0/2, 0/1), Leonardo Basso 0 (0/1, 0/2), Stefano Trucchetti 0 (0/0, 0/0)

Coach Gallazzi

Arbitri: Gallo – Bastaniel