Zannella Cefalù, contro la Vigor Santa Croce arriva la dodicesima vittoria consecutiva

Zannella Cefalù
Zannella Cefalù

Prosegue la marcia solitaria in vetta alla classifica della Zannella: questa volta a inchinarsi davanti ai ragazzi di Coach Priulla (ancora privi dell’americano Sims, sulla via del recupero, e di Persano) è la Vigor Santa Croce Camerina, formazione giovane e volenterosa, che non ha comunque potuto tenere testa allo strapotere atletico e tecnico dei normanni. Gara senza storia quella del Geodetico, con i locali a partire subito con le marce alte, frutto della consueta verve del folletto Cooper (22 punti e 10 assist per lui) e del dominio nel pitturato di Malagoli (15 punti e 12 rimbalzi), Terrasi (15+11) e Mollura (15 punti a segno anche per lui, e 14 rimbalzi, di cui 7 in attacco, e 6 assist), per un primo quarto conclusosi con l’eloquente punteggio di 32 a 14. Il resto della contesa è sostanzialmente una passerella per i biancazzurri, che restano in controllo per tutto l’arco della gara, incrementando gradualmente il gap fino al 114 a 62 finale, con gloria anche per i giovanissimi Mezzapelle (3 punti, con una bella tripla dall’angolo nelle battute finali dell’incontro) e Modaro (2 punti). Da segnalare la sontuosa prestazione balistica di Sodero, top scorer dell’incontro con 24 punti, autore di un ottimo 8 su 12 dall’arco dei 6,75.
Con questa vittoria la capolista Zannella raggiunge quota 24 punti in graduatoria, ma non c’è tempo di prender fiato: domani sera, in quel di Catania, si disputerà il secondo turno infrasettimanale del torneo contro il Cus, squadra che attualmente occupa l’ottava posizione in classifica e che finora, specie sul parquet casalingo, si è dimostrata avversario ostico per tutte le contendenti in gioco.
Nelle altre gare della giornata importantissima affermazione della Costa d’Orlando, che viola dopo un overtime per 87 a 80 il parquet di Canicattì (ormai privo dell’esterno U.S.A. Mancasola, e in attesa dell’arrivo dell’ala statunitense Garner) e si issa al secondo posto in solitaria con 22 punti. Tra i paladini ottime le performance di Fall (16 punti), Marinello (21) e Leonzio (14), tra gli uomini di Coach Manzo, invece, sugli scudi Griffin, anima del team agrigentino con ben 35 punti a referto. Degna di nota anche la prova di forza dello Sport è Cultura Patti, che “asfalta” il Peppino Cocuzza San Filippo del Mela (formazione fin qui tra le più combattive dell’intero campionato) per 104 a 65, con una prova monstre del cecchino Custis, protagonista assoluto dell’incontro con 43 punti personali. Seconda vittoria consecutiva del Green, stavolta al PalaDonBosco contro Spadafora per 85 a 73, e buona affermazione casalinga per l’Aretusa Siracusa (Smith 29) che, tra le mura amiche, prevale su Licata per 95 a 80.