Niente da fare per la Gold & Gold Messina. I peloritani escono sconfitti dal PalaMilone di Milazzo per 96-83 al termine di una gara che ha visto la formazione allenata da Francesco Paladina subire un pesantissimo break iniziale (34-16) nel primo quarto, che l’ha costretta sempre ad inseguire la Svincolati Milazzo. Gli scolari si consolano con la prestazione super di Leonardo Di Dio, top scorer del match di 36 punti. Gara in salita per gli scolari che dopo un minuto e 17 secondi si vedevano espellere per doppio fallo tecnico il capitano Cristiano Scimone. Decisione che ha sorpreso tutti, perché se è vero che avrà detto qualcosa al signor Brusca, non si capisce per quale motivo sia stato fischiato il primo dei due falli. L’uscita anzitempo del capitano ha condizionato notevolmente il match della Basket School, che paga ancora una volta l’ingenuità dei suoi giocatori, infatti Cristiano poteva e doveva evitare la protesta. Con soli sette giocatori arruolabili e con Cordaro in precarie condizioni fisiche, per Messina diventa davvero impossibile arginare le azioni offensive dei mamertini. Nonostante tutto la squadra rimane in scia agli avversari fino al 20-16, tenuta a galla dai canestri di Leo Di Dio e Linde. Il break di 14-0 dei bianchi di casa stravolge i piani di coach Paladina. Manfrè risulta immarcabile (14 punti nel parziale), Bolletta e Sindoni fanno il resto e alla prima sirena il vantaggio della Svincolati è di 18 lunghezze. Nel secondo periodo la squadra di coach Trimboli abbassa i ritmi, mantenendo sempre il vantaggio, Messina appare un po’ più reattiva, e sul finire del tempo, con un parziale di 5-0, firmato da Maddaloni e Mancasola, chiude sotto di 15 lunghezze al riposo lungo (48-33). 

Al ritorno in campo, la Svincolati parte forte e con un parziale di 20-4 mette in ghiaccio il risultato. Con Manfrè e Sindoni scatenati, i padroni di casa raggiungono un vantaggio di 31 punti, sul 68-37, per gli scolari è notte fonda. I canestri del solito Di Dio e di Linde riportano su la Gold & Gold, che alla mezzora è sotto di 26 lunghezze 74-48. Nell’ultimo quarto, la strepitosa serata al tiro di Leo Di Dio, autore di 16 punti nel periodo, e i canestri di Linde e Zivkovic, permettono ai giallorossi di ridurre lo svantaggio, rendendo meno pesante la sconfitta. Magra consolazione, finisce 96-83, ma c’è tanto da rivedere nella prestazione della squadra peloritana. La dirigenza, per bocca del dirigente Fabio Vita, ha dichiarato che interverrà in settimana per risolvere i troppi problemi palesati in queste prime undici giornate di campionato: una svolta è d’obbligo. Domenica prossima, l’ultima gara del 2022 vedrà la Gold & Gold Messina impegnata al PalaMili contro il CUS Catania, per cercare di chiudere in bellezza un’annata che ha regalato grandi soddisfazioni al club del presidente Zanghì.

 

Svincolati Milazzo – Gold & Gold Messina 96-83

Parziali: 34-16, 14-17 (48-33), 26-15 (77-48), 22-35

Svincolati Milazzo: Salvatico 6, Patanè n.e., Barbera 9, Tarolis 13, Bolletta 10, Mihajlovic 9, Marcetic, Sindoni 23, Busco, Scredi 2, Manfrè 24. Allenatore: Francesco Trimboli 

Gold & Gold Messina: Maddaloni 10, Scopelliti n.e., Di Dio 36, Scimone, Mancasola 6, Visalli n.e., Linde 21, Zivkovic 10, Cordaro. Allenatore: Francesco Paladina 

Arbitri: Tartamella di Trapani e Brusca di Palermo

Note: Espulso per doppio tecnico Scimone. Uscito per 5 falli Busco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.