La Polisportiva Alfa fa la voce grossa: + 22 su Spadafora

Andrea Bianca allenatore della Polisportiva Alfa

Ottimo partita della Polisportiva Alfa che batte nettamente il Nuovo Avvenire Spadafora con il punteggio di 86 a 64. Partenza incisiva dei padroni di casa, che piazzano subito il parziale e gestiscono per i restanti quarti di gioco. Una panchina più lunga permette alla formazione di Bianca di mantenere saldo il pallino del match. Spazio anche alle seconde linee, in entrambe le formazioni, una volta consolidato il punteggio.

Inizio perfetto dei padroni di casa che si portano sul 18-7 gia a 3′ dal termine della prima frazione. Byrd, subito mattatore, va in panchina per il primo riposo. Il Nuovo Avvenire va sul – 9 (18-9) con Scozzaro, poi intelligente gestione di Stuppia che trova fallo e mette i liberi di -7. Al primo tentativo di recupero degli avversari l’Alfa risponde con ottimi attacchi e una buona difesa. Il primo quarto termina così sul 22-13.
Ala ripresa del gioco a Mobilia risponde Famà. Spadafora aggiusta le percentuali e si va sul 24-17. Byrd, però, è una sentenza: tripla e di nuovo +9. Maganza mischia le carte e inserisce Sofia e Molino, ed è proprio Molino a recapitare un brutto passaggio ad un ben posizionato Scozzaro. Zona due tre per Spadafora, segna Arcidiacono (28-17) e Byrd piazza un’altra tripla. Massimo vantaggio dei catanesi (31-17). Dopo 3′ di digiuno Il Nuovo Avvenire torna a referto con Scozzaro e Stuppia  (31-21).
Per l’Alfa il terzo quarto è già tempo per un piccolo show: canestri e rubate di Byrd, una tripla perfetta di Gottini e la stoppata di Commissaris arricchiscono il + 19 raggiunto dai catanesi. Entra anche Signorello che annulla un buon scarico di Sofia. Prova a mettersi in mostra Di Paola, ma non trova il canestro. Segna Commissaris, ma l’ultima realizzazione è di Mobilia. Il punteggio e speculare alla fine del secondo quarto, 42-24.

Di ritorno dagli spogliatoi aprono Scozzaro e segna Sofia per Spadafora, la striscia ospite è interrotta da Byrd. Commissaris cancella Scozzaro, Vento stoppa Byrd, Gottini segna in reverse ma sbaglia il libero. È il 46-28. Libero aggiuntivo sbagliato anche per Sofia, che aveva fatto canestro in precedenza. Altra tripla per Gottini. Le due squadre si affrontano ora a viso aperto, ma il vantaggio è saldamente nelle mani della formazione di Andrea Bianca. Si va sul 54-36 a metà terzo quarto.
Spadafora non riesce a recuperare lo svantaggio nonostante la costante intensità messa in campo. Antisportivo a Stuppia che regala il +20 Alfa (56-36).
67-46 è il punteggio finale del terzo quarto.

Riapre Arcidiacono con ben 7 punti personali. Scozzaro e Molino vanno a referto, Il Nuovo Avvenire si conferma formazione molto concentra all’inizio di ogni frazione, ma non riuscirà neppure nell’ultimo quarto a ridurre il grosso svantaggio dagli alfisti. L’ultima frazione fa così da palcoscenico per le seconde linee di entrambe le formazioni che terminano una gara comunque piacevole da vedere, con uno scarto forse ingeneroso per le qualità della squadra allenata da Luigi Maganza, sfortunata di fronte una Polisportiva Alfa autrice di una gara praticamente quasi perfetta.