La famiglia sportiva della Virtus Eirene si è riunita a Ragusa per lo scambio di auguri di fine anno.

La Passalacqua Ragusa al Poggio del Sole (per Laura Moltisanti)

Un appuntamento ripartito dopo due stagioni, a cui ha preso parte la famiglia Passalacqua, squadra al completo, lo staff tecnico e medico, la dirigenza, lo staff comunicazione e tutti gli sponsor insieme alla stampa specializzata.

E’ stata “festa doppia” al Poggio del Sole perché la stagione 2022-2023 è la decima in Serie A1 per la società che, con i fratelli Gianstefano e Davide Passalacqua, ha avviato e conduce oggi il secondo ciclo più importante della storia della pallacanestro femminile siciliana della massima serie.

In quell’albo in cui Priolo resta ineguagliabile grazie a 28 anni di attività in A1, due scudetti e una Coppa Campioni, ma si avvicina grazie agli otto play-off scudetto conquistati consecutivamente a partire dalla prima apparizione in Serie A1, la Passalacqua Ragusa ha già superato (al netto delle diverse disposizioni dei campionati degli ultimi 30 anni) le storiche realtà del Verga Palermo e la Polisportiva Giuseppe Rescifina Messina.

Migliorando il primato del Banco di Sicilia Ribera 2005-2006, che con coach Sandro Orlando è stato apripista, la società ragusana ha vinto due Coppa Italia e la prima dopo tre anni di Serie A1, conquistandola proprio come Ribera al PalaRomare di Schio, e giocato l’Eurocup Woman.

La Passalacqua Ragusa ha messo in coda la Libertas Termini Imerese, in A1 per tre stagioni, lo Sport Club Alcamo per sei stagioni in Serie A1 (dove hanno giocato Cynthia Cooper e Lisa Leslie) e il Basket Alcamo nella massima serie per un anno.

Vale dunque la pena fermarsi e riavviare il nastro dei ricordi senza dubitare, dovesse succedere, del senso di appartenenza. La storia è già dalla parte della Passalacqua Spedizioni Ragusa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.