Drake Diener alla Betaland: una contesa tra ex Capo d’Orlando

Drake Diener in azione

Drake Diener è pronto ad accettare l’offerta avanzata dalla Betaland Capo d’Orlando. Il ritorno al PalaFantozzi della guardia americana è cosa fatta, la società ha sudato ma sembra averla spuntata al termine di uno scontro a distanza con Brindisi.

La trattativa ha coinvolto personaggi che Capo d’Orlando la conoscono bene: Diener, che è esploso come giocatore proprio nella città paladina, Meo Sacchetti, oggi allenatore di Brindisi, che in Sicilia è stato guida di un gruppo straordinario di cui ha fatto parte anche l’atleta americano, professionista che in questi giorni ha provato fortemente a portare il giocatore con se in Puglia.

Il Gm della Betaland, Giuseppe Sindoni, non si scompone nè fa trapelare qualcosa sul vicino si di Draker Diener. “Non c’è una verità, ma una volontà da parte nostra di riportare il giocatore a Capo d’Orlando – ha spiegato Sindoni -. Non c’è una novità perchè abbiamo parlato tante volte con il giocatore: a lui piace l’idea di giocare nuovamente a Capo d’Orlando, ma il mercato ha mille variabili. E’ certo che il suo arrivo da noi sarebbe un’aggiunta incredibile in termini di leadership, a livello tecnico e anche d’immagine“.

Sulla scia dei ritorni può inserirsi finalmente anche il capitolo Nicevic. “Sandro non ha ufficialmente sciolto la riserva – continua Sindoni -. E’ vero che prima dell’estate stavamo considerando tutte le alternative possibili, tra cui quella di proporgli un ruolo da assistente allenatore, oggi ribadiamo la nostra disponibilità e aggiungo felicità massima ad averlo eventualmente ancora in squadra“. Compiuti quarant’anni il centro sarebbe disposto a scendere nuovamente in campo, ma solo per un’altra stagione.

La Betaland sta ancora alla finestra per Alex Oriakhi. Il giocatore americano è chiaramente in cerca d’ingaggi superiori, che Capo d’Orlando non può offrire. Il gm della Betaland in questo ambito è chiaro: “La nostra società offre ingaggi più che dignitosi per la serie A e buoni nel contesto europeo, ma per noi è difficile convincere un giocatore così sotto l’aspetto economico. Lo scorso anno si è messo bene in mostra, con ottime cifre“.

Infine, bene riporta la stampa locale sull’addio di Simas Jasaitis alla formazione siciliana. L’atleta “ha già firmato un contratto annuale garantito a Pesaro che, evidentemente, ha piena fiducia sulle condizioni fisiche di Simas, in ripresa dall’intervento chirurgico di rimozione dell’ernia cervicale subito“, scrive il Giornale di Sicilia. Se lo si fosse pensato, non c’è stato alcuno scontro impari con Pesaro, che si è assicurata le prestazioni del giocatore, annunciandolo tra l’altro tramite un comunicato essenzialmente identico a quello confezionato dall’ufficio stampa orlandino lo scorso anno.

Giuseppe Sindoni continua a lavorare per costruire un roster adeguato all’obiettivo della stagione 2016/2017. Laquitana, Perl, Stojanovic sono già delle conferme, Nicevic può aggiungersi ad una lista in cui non è sbagliato considerare Dominique Archie, Diener anche. “Le difficoltà ci sono sempre state – conclude il gm Sindoni – con fantasia e tanto duro lavoro riusciremo sempre a raggiungere i nostri obiettivi“.

(Aggiornato alle 8:53 del 07/07/2016)