Il Castanea chiede il ripescaggio in C Silver ma il comune per la prima volta i 10 anni non indica un campo disponibile

La dirigenza del Castanea Basket pone le linee programmatiche della nuova stagione

In un noto locale del centro città si è svolta la prima riunione operativa dei dirigenti del Castanea Basket 2010 in vista della prossima stagione agonistica. Pur alle prese con mille incertezze circa lo svolgimento del prossimo campionato e in attesa di conoscere da parte del Comitato regionale la categoria di militanza del club, la volontà unanime della dirigenza gialloviola è stata quella di aggiornarsi tra tutte le vecchie e nuove componenti societarie e fissare gli obiettivi dei nuovi progetti tecnico-sportivi.

Accanto al presidente Alessandro Saccà ed insieme alle numerose riconferme ci sono diversi volti nuovi che andranno ad occupare diverse caselle nell’organigramma societario e che nei prossimi giorni saranno presentati. La volontà oltre che la speranza è quella di poter prendere parte alla serie C Silver, una categoria che rappresenterebbe un nuovo trampolino di lancio per il Castanea, specialmente nell’anno del suo decennale dalla fondazione.

Tra i punti all’ordine del giorno c’era ovviamente la costruzione della nuova squadra, lo staff tecnico capitanato dal coach Filippo Frisenda sta portando avanti le trattative con i nuovi potenziali innesti e sta definendo il blocco degli atleti riconfermati da cui ripartire dopo la grande cavalcata della stagione scorsa frenata solo dal dilagare del Covid. L’obiettivo è ben figurare anche se al momento qualsiasi previsione appare impossibile e certamente prematura. Non procrastinabile è inoltre il reperimento di risorse economiche e nuovi partner commerciali che sposino con calore un progetto che negli anni ha dimostrato con i fatti la propria credibilità. La massima serie regionale infatti comporta costi ben più elevati e la società vuole per tempo definire il budget a propria disposizione per capire dove potersi spingere con le ambizioni. La volontà unanime sarà questa e comporterà la conseguenza che ogni dirigente dovrà veicolare e far conoscere il progetto targato Castanea al tessuto economico cittadino.

In tal senso la società punterà molto sul rafforzamento dell’area comunicazione e social con un proprio responsabile che curerà i diversi canali e promozionerà maggiormente i colori sociali, rendendo più agevoli e moderni i messaggi sul web al fine di permettere una conoscenza massimale e ulteriore di tutto il network gialloviola a tutti i tifosi ed a chiunque si volesse avvicinare per la prima volta, il reale obiettivo della società.

La Dirigenza ha affrontato il tema “Concessione Impianti Sportivi”, la società decide all’unanimità di iscriversi al campionato di competenza ma di informare la Federazione che l’Amministrazione Comunale non ha ancora risposto alle richieste d’incontro, iniziate a Maggio, per conoscere il Campo in cui si disputeranno le gare del prossimo Campionato, durante la riunione si è discussa la linea da adottare noi confronti dei continui e prolungati silenzi, da parte dell’Assessorato e del Comune di Messina, riguardo la richiesta della concessione di un Palazzetto destinato alla disputa delle gare e delle attività, ogni richiesta consegnata tramite Pec ma mai degnata di nota.

Altre novità riguarderanno sia lo staff tecnico che il settore Minibasket con nuovi responsabili che hanno abbracciato il progetto.

Infine sarà confermatissimo da parte del team peloritano l’impegno nel settore Baskin per permettere nuovamente l’inclusione e la valorizzazione di un messaggio dai toni decisamente positivi per potersi mettere alle spalle mesi così difficili.

Come primo Atto la Dirigenza Viola, delibera che già il giorno 01/07/2020, sarà formalizzata l’affiliazione e l’iscrizione al Campionato di appartenenza, ribadendo che la società è in attesa che la Federazione si pronunci sull “C Silver”.

Purtroppo qui si registra una nota dolente il “Campo di Gioco”, la società Peloritana non sarà nelle condizioni di comunicare un Palazzetto, non accadeva dall’anno della fondazione (10 anni), a causa della mancanza totale di confronto con l’Amministrazione Comunale, che anche se sollecitata tantissime volte ancora non ha risposto ne alle domande ne alle richieste d’incontro.

Nella Speranza che dopo gli ultimi eventi, ossia un cambio dei vertici all’Assessorato di Messina, la situazione possa immediatamente cambiare in modo da poter dare alla sport il tempo di potersi preparare a tutte le difficoltà, già veramente tante e molteplici, per affrontare la ripartenza, tempo ne avete perso troppo.