La Fortitudo Agrigento non fa sconti. Mays e Renzi non bastano alla Pallacanestro Trapani

Foto d'archivio

Fortitudo Agrigento contro Pallacanestro Trapani vale i playoff.

Il Derby di Sicilia consolida il piazzamento al quarto posto della Fortitudo Agrigento, che vince contro la Pallacanestro Trapani 76-72. Ai granata non bastano i 42 punti in due realizzati da Keddric Mays e Andrea Renzi.

Nel primo quarto i padroni di casa partono sornioni, ma chiudono in vantaggio la prima frazione.

Rubata di Trapani e schiacciata di Crockett, Renzi sfida Bell-Holter e lo batte, ma subisce successivamente il raddoppio di Buford che disturba in attacco Trapani. Il 4-0 ospite arriva comunque grazie al primo canestro della gara del numero 4 granata. Piazza sbaglia la tripla ed è il terzo errore al tiro per la Fortitudo Moncada dopo due giri di lancette. A 7.20″ Viglianisi è costretto ad abbandonare il campo per una brutta botta. Agrigento si sblocca con Buford dopo oltre 3′. E’ il 2-4 a 6.32″. Tavernelli ruba il rimbalzo a Chiarastella e realizza il +4 granata. Renzi firma il +6. Due su due di Bell-Holter, Agrigento risale sul -4 (4-8 a 5:18″). Crockett poi Buford vanno a referto, mentre Piazza spinge in contropiede e trova due liberi che portano Agrigento sul -2. Renzi ci prova trovando spazio per il tiro in arretramento ma sbaglia. La parità della Moncada arriva, così, grazie alla penetrazione di Evangelisti. Il tabellone illumina il 10-10 a 3:30″.

Evangelisti segna anche il sorpasso degli agrigentini in reverse (raccogliendo il rimbalzo in attacco). Buford stoppa Mays che recupera però la palla in difesa. Rientra Viglianisi vigile in difesa su Evangelisti. Spumeggiante fine quarto. Tripla di Ruben Zugno, canestro di Mays e poi i due punti li mette Piazza. Sulla sirena segna il nisseno Zugno bravo e pronto a spedire in fondo alla retina la rimessa del proprio playmaker. Sul 19-15 si chiude la prima frazione.

Nel secondo quarto la Fortitudo Agrigento mostra di saper tenere salda nelle proprie mani l’inerzia del gioco.

Renzi sembra cancellare il canestro di Evangelisti, ma arrivando al gancio Bell-Holter corregge e segna. Troppo elementare il dai e vai tra Zugno e Chiarastella, Trapani intercetta, trova fallo e va a referto con Crockett marcato da Alessandro Piazza. Gli ospiti piazzano il break grazie a 4 punti personali di Demian Filloy, Agrigento risponde con De Laurentiis e allunga la striscia grazie 5 punti personali di Innocenzo Ferraro. Ducarello è costretto al time out sul 32-26. E’ ottima la risposta della squadra: con Filloy e la tripla di Mays Trapani torna sul -1 (32-31 a 3.17″). Ferraro stoppa Mays proiettato in contropiede e il PalaMoncada si esalta. La Pallacanestro Trapani non trova la parità e subisce il +3 di Buford. Renzi si snoda sontuosamente sul perno (34-33), ma il -1 granata è momentaneo perchè Bucci realizza da tre. L’ultimo possesso della frazione è per i granata di Ugo Ducarello, ma l’ennesima tripla da 8 metri di Keddric Mays si ferma sul secondo ferro. Agrigento e Trapani vanno negli spogliatoi sul 37-33.

Nel terzo quarto Perrin Buford trascina la Fortitudo Moncada, ma Keddric Mays segna 8 punti finali fondamentali.

Si alternano gli errori alla riapertura dei giochi, poi Tavernelli è perfetto ai liberi per Trapani. Evangelisti scocca il tiro del nuova +4 Fortitudo Agrigento (39-35). Bell-Holter prende le misure a Renzi in difesa e in attacco legge bene servendo Alessandro Piazza per il 44-35. I granata aprono un break di 5 punti e risalgono sul -4 (44-40), ma tutto è interrotto dall’ottavo punto di Buford. Ospiti ancora sul -4, ma Perrin Buford decolla per prendere l’assist di Piazza e realizza ancora. Sono 6 i punti personali per lui, che però arriva in ritardo su Crockett che quasi dalla lunetta riceve e segna il 50-46. Break di 4-0 per Agrigento e immediato minuto di sul 54-46. La Pallacanestro Trapani esce dall’impasse grazie a Keddric Mays, 4 punti ai liberi e 4 in contropiede riportano in partita i granata che chiudono la terza frazione in parità, sul 54-54.

Nel quarto e ultimo quarto la Fortitudo Agrigento rimane cinica e vince il derby

Dopo 1′ il parziale è aperto a favore della Fortitudo Agrigento, 4-2, quando arriva l’errore di Andrea Renzi. Stoppata di Filloy su Evangelisti, l’italo argentino gioca bene contro Piazza, serve Renzi per la parità 58-58 a 7.30″. Minuto per Franco Ciani, perchè – proprio il numero 4 granata – manda a referto il sorpasso ospite dopo 3′ di gioco. Non c’è la tripla di capitan Chiarastella, ma ci sono i 4 punti segnati ai liberi rispettivamente da Marco Evangelisti e Perrin Buford. A Chiarastella spetta il canestro che costringerà Ducarello ad un nuovo time out, sul +5 Fortitudo Moncada. Sul 65-50 Renzi corregge due volte e fa a canestro con una mano contro tre giocatori. Ultimi 2’di gioco incandescenti. Zugno confonde la difesa di Trapani e realizza da sotto, Mays fa canestro in contropiede, sul 67-65 Evangelisti è perfetto ai liberi. Non lo è Viglianisi che realizza solo un libero su due, Bell-Holter segna il 71-65, ma Trapani si porta sul -2 con ancora appena 25″ da giocare grazie al duo Renzi-Mays. Time out per una cinica Agrigento che con Chiarastella ristabilisce il +4 dai liberi. Sul capovolgimento di fronte, dopo il time out di Trapani, Andrea Renzi gioca in isolamento contro Bell-Holter ma sbaglia un canestro già fatto. Tripla di Crockett a 4″ soli secondi dalla fine e immediato fallo di Tavernelli, ai liberi Evangelisti è glaciale: 2 su 2 e derby in cassaforte.

Il PalaMoncada applaude la Fortitudo Agrigento che consolida il piazzamento playoff. La Pallacanestro Trapani applaude i tifosi granata arrivati ad Agrigento e torna a casa senza certezza sulla seconda fase di stagione.

Fortitudo Agrigento – Pallacanestro Trapani 76-72

Fortitudo Agrigento: Bucci 3, Buford 12, Cuffaro, Zugno 9, Evangelisti 12, Tartaglia A., Ferraro 5, Tartartaglia M., Chiarastella 9, De Laurentiis 3, Piazza 12, Bell-Holter 11. All.: Ciani

Pallacanestro Trapani: Mays 22, Costadura, Renzi 20, Tavernelli 4, Simic ne, Nicosia, Ondo Mengue, Ganeto, Viglianisi 1, Filloy 7, Crockett 18. All.: Ducarello

Parziali: 19-15, 37-33, 54-54