PalaPriolo, il presidente Riccardo Caruso sostiene la causa di rinascita della struttura

L’ex presidente della Trogylos Priolo, Carlo Lungaro, ha inoltrato alla nostra redazione la risposta che il presidente Fip Sicilia, Riccardo Caruso, ha inviato in merito al caso PalaPriolo.

Queste le parole del presidente Federbasket Sicilia.

On.le Presidente, Signor Sindaco, riteniamo un preciso dovere morale, in rappresentanza

Riccardo Caruso Fip Sicilia
Riccardo Caruso Fip Sicilia

della Fip Sicilia, inviarVi un sentito quanto convinto appello affinché vogliate porre in essere con determinazione ogni misura che eviti l׳abbandono e la morte del Palazzetto dello Sport di Priolo che all׳interno delle sue mura ha visto il compiersi di un autentico miracolo sportivo rappresentato dalla vittoria nel basket femminile di 2 scudetti e di una Coppa dei Campioni da parte della squadra Priolese e che ha rappresentato per tanto tempo un autentico simbolo positivo della città di Priolo e dell׳intera regione.

Siamo grati al Presidente Gianni Petrucci che con il suo autorevole intervento dei giorni scorsi ha voluto testimoniare la grande attenzione della Federazione Italiana Pallacanestro sulla necessità di porre mano a tutti quegli interventi che consentano al Palasport di Priolo di essere riportato alla piena efficienza per tornare ad essere quello che per tanti anni è stato ovvero una vera perla nel panorama delle strutture sportive del meridione d׳Italia.

In un territorio come quello siciliano, e siracusano in particolare, afflitto da una carenza endemica di impianti sportivi di qualità, la rinascita del Palazzetto rappresenterebbe un ulteriore segnale importante, non solo per tutti gli sportivi ma per l׳intera comunità siciliana, che la nostra isola vuole affrancarsi da stereotipi negativi e dare il giusto peso a quello che lo sport rappresenta per i suoi valori e per la capacità di attrarre verso percorsi virtuosi tutti quei giovani e giovanissimi atleti che attraverso la sana pratica sportiva vengono allontanati dalle mille insidie della vita di oggi.

Siamo certi che la VS sensibilità politica Vi farà compiere le scelte più valide e ci rendiamo disponibili, sin d׳ora, ove lo riteneste opportuno, a dare il nostro seppur modesto contributo a qualsiasi progettualità individuiate tesa a ridare nuova vita alla struttura nata trent׳anni fa da una splendida iniziativa di privati e che oggi il pubblico, che rappresentate, può e, ci permettiamo di dire, deve salvare.