C SILVER. Cestistica Torrenovese batte Nova Virtus Ragusa 76-62

La schiacciata di Tönjann al PalaTorre

Intensità, cuore e difesa. Si potrebbe riassumere così la splendida vittoria della Cestistica Torrenovese, che nella decima giornata del campionato di Serie C Silver batte la super Nova Virtus Ragusa per 76-62 al termine di una partita fantastica. I ragazzi di coach Silva conducono dall’inizio alla fine (ad eccezione del 6-7 iniziale) e portano a casa due punti pesanti ma meritatissimi. Alla Virtus non bastano i 14 di Carnazza e Dinatale, perchè dall’altra parte sono 21 i punti di un devastante Tönjann, 13 di Giorgio Busco e 11 di Munastra.

Confezioni Corpina Torrenova – Basket Club Ragusa 76-62 (16-10; 38-30; 60-43)

 

Confezioni Corpina Torrenova: Munafò 3, Albana 8, Sgrò 5, Tonjann 21, Arto 5, Busco M. 2, Munastra 11, Busco G.13, Bricis 8, Serafino ne. Coach: Silva

Centro Convenienza Cocuzza: Vacirca 2, Girgenti 7, Comitini, Ferlito 4, Sorrentino, Dinatale 14, Mercorillo, Causapruno, Carnazza 14, Salafia 4, Canzonieri 12, Nardi 5. Coach: Di Gregorio

LA CRONACA

L’avvio è firmato Tonjann, che con due schiacciate al ferro apre la gara. Ragusa soffre l’intensità locale ed accorcia subito con Salafia, ma è ancora Torjann a creare problemi alla difesa ospite. La Virtus in contropiede trova il vantaggio con Nardi, ma i fratelli Busco e Arto issano la Confezioni Corpina al +4 (14-10) al 8’. Ragusa fatica a trovare ritmo in attacco, così alla prima mini sirena è 16-10. Anche nel secondo parziale la squadra di coach Silva mette sul parquet grande intensità: Arto, Munastra e G. Busco ed è +11 (23-12) al 14’, mentre la Virtus fatica a trovare la via del canestro. Le Aquile si affidano allora a due triple di Munastra e Tonjann a cui risponde con la stessa moneta Carnazza che prova a scuotere i suoi. è ancora un super Tonjann, spalleggiato da Munafò, a issare Torrenova al +15 (38-23). Ragusa, però, nel finale limita i danni con 5 punti in fila di Carnazza e Dinatale, che va a segno dalla lunetta, chiudendo il primo tempo sul 38-30. Ragusa prova a ritornare sul parquet aumentando l’intensità ma G. Busco con due penetrazioni, Munastra, Sgrò e Tonjann allungano al +17 (54-37) al 26’. La Virtus Ragusa però non vuole darsi per vinta e con due triple consecutive ritrova il -11, ma Albana pesca una magia dal suo cilindro e segna una tripla di con libero aggiuntivo – realizzato – a 1″ alla fine del terzo periodo fissando il 60-43. La squadra di coach Di Gregorio passa alla difesa a zona in avvio di ultimo parziale, con Tonjann, Bricis e Munastra che permettono alle Aquile di toccare il +20 (66-46) al 33′. Ragusa aumenta l’intensità difensiva e prova ad accorciare con Ferlito, Dinatale e una tripla di Nardi: così al 35′ è 69-50. Salafia, Girgenti e Canzonieri riportano Ragusa al -11 con canestri dalla lunetta ed in transizione. La Virtus prova a mandare Torrenova in lunetta, ma le Aquile tengono i nervi saldi e sulla sirena finale festeggiano la splendida vittoria.