C SILVER. Quando l’errore arbitra può non diventare “uno scandalo”. La lezione di collaborazione vista in Cus Catania-Amatori Messina

L'arbitro Alessandro Lorefice

Cus Catania contro Amatori Messina ha avuto un vincitore in campo, ma due protagonisti eccellenti di un match deciso solo sul finire di gara.

Dopo un inizio super degli etnei e da incubo per i peloritani (parziale di 25-8), gli ospiti sono riusciti a rimanersi in scia su un costante -10 dai padroni di casa, salvo poi portarsi sul -5 nell’ultimo quarto grazie alla rimonta firmata Di Dio-Cordaro (stoico in campo con la mano forte fasciata) e una tripla di Maggio a 4′ dall’ultima sirena.

E’ proprio in questo frangente che al PalaCus si è assistito ad un gesto che raramente si vede sui campi da basket: su possesso Amatori il secondo arbitro Alessandro Lorefice assegna per errore una rimessa dal fondo al Cus Catania, su ultimo tocco di Ruggero Elia, ma proprio Elia ha scelto di segnalare al fischietto ibleo d’essere stato

Ruggero Elia ed Eugenio Cuccia del Cus Catania nella foto di Giuseppe Lazzara

l’ultimo a toccare il pallone. Lorefice cambia la propria decisione, scambia il cinque con Elia e lo ringrazia, cosi come fanno alcuni giocatori nero-arancio. La palla torna ai messinesi insieme alla possibilità di poter attaccare per il -3.

Sarà un nulla di fatto. La partita terminerà 70-60 per il Cus Catania, bravo “semplicemente” a rimanere più concreto sotto canestro rispetto gli ospiti nel finale, ma rimane una domanda importante: quanti giocatori avrebbero scelto di agevolare l’arbitro segnalando la propria responsabilità e quanti lo avrebbero fatto in quella fase della gara?

La collaborazione vista tra giocatore e fischietto in questa partita merita d’avere eco e può diventare un precedente conosciuto. Lo è al netto di tutte quelle occasioni in cui si è solo gridato all’ingiustizia per un errore arbitrale senza aver contato il ruolo che, in alcuni frangenti, possono avere anche i giocatori in campo in ogni partita.

 

Cus Catania – Amatori Messina 70-60

Parziali: 25-8, 15-29, 14-17, 16-15

Catania: Lo Faro 14, Murphy 10, Corselli 2, Di Mauro 8, Elia 24, Arena, Vasta 10, Cuius L. 2, Pocina ne, Leone ne, Cuius F. ne, Fichera ne. All.: Guadalupi

Messina: Mondello 9, Pace 5, Di Dio 18, Santoro ne, Casablanca ne, De Gaetano ne, Valitri, Unechensky ne, Cordaro 12, Sciliberto 5, Maggio 11, Romano. All.: Maggio

Abitri: Calogero Cappello di Porto Empedocle (Ag), Lorefice di Ragusa