C SILVER. Td Car Virtus Ragusa batte Orlandina Lab, coach Di Gregorio: “Abbiamo sudato per conquistare i due punti”

Marco Bakula al tiro

Nella nona giornata di ritorno del campionato di basket di serie C silver la TD Car Virtus Ragusa ospita sul parquet casalingo L’Orlandina Lab di coach Brignone. Una partita che ha riservato tanti colpi di scena con un terzo quarto altalenante che ha visto gli orlandini insidiare pericolosamente l’area iblea. 

Salafia apre le danze mettendo dentro il primo canestro seguito da Di Dio a cui risponde prontamente Ani. L’Orlandina Lab parte subito con l’acceleratore premuto pressando a tutto campo e finalizzando sotto le plance. I ragusani rispondono però colpo su colpo e grazie a Bakula si tengono agganciati agli ospiti. I ritmi sono elevatissimi ed entrambe le squadre corrono da una zona ad un’altra del campo senza risparmiarsi mantenendo una sostanziale parità nelle azioni offensive.

All’inizio del secondo quarto Triolo con un tiro dalla media riaggancia la compagine casalinga. Da questo momento in poi si assiste ad una girandola di punti che porta le squadre a rimanere sul tabellone sempre in parità. A questo punto Andrea Sorrentino supportato dai compagni mette dentro due triple consecutive che permettono alla Virtus di fare uno scatto in avanti. E così i ragusani si galvanizzano e con ottime intuizioni di Causapruno e Di Dio segnano un solco importante che darà maggiore sicurezza ai padroni di casa. 

Al ritorno dal riposo lungo si assiste ad un’intensa reazione dell’Orlandina. Triassi prova a trascinare i suoi ma i ragusani non rimangono a guardare inermi. Canzonieri e Salafia arrivano al ferro finalizzando dopo azioni ben costruite. Il ritmo di gioco non accenna a diminuire. I ragazzi di coach Brignone non mollano la presa e con azioni ben costruite cominciano a scardinare la difesa iblea che risulta non compatta. Gli ospiti cominciano così a macinare punti su punti fino ad arrivare alle spalle dei padroni di casa (- 2 alla fine del terzo periodo). 

L’ultimo quarto si apre con il canestro del pareggio per mano di Ellis. A questo punto l’Orlandina ci crede e prova a giocarsi tutte le carte in campo. Dall’altra parte i ragazzi di coach Di Gregorio hanno permesso troppo agli ospiti e adesso cercano di rimediare per portarsi avanti. Sorrentino e Di Dio realizzano sotto le plance ma gli orlandini non ci pensano a lasciare campo libero agli avversari e si chiudono in una difesa a maglie strettissime. A questo punto Bakula prova a trascinare i suoi con due ottime giocate dalla media che dona un vantaggio che dura pochissimo fino al sorpasso nuovamente per mano di Ellis quando mancano 5 minuti alla fine della partita. Gli iblei sostenuti dagli spalti gremiti del Pala Padua provano ad accelerare il ritmo del match e con maggiore lucidità riescono ad essere più incisivi in area. Carnazza approfitta di una palla recuperata per mettere distanza ma gli ospiti non accennano a lasciare campo libero così facilmente. Gli ultimi due minuti si giocano al cardiopalma e il nervosismo sale sul terreno di gioco. I ragusani a questo punto attaccano in maniera più lucida e grazie a Di Dio e Salafia che giocano palle utili il match si chiude con il risultato finale di 94 a 82.

«Non è stata una partita per niente semplice – commenta a fine gara coach Di Gregorio e fino alla fine abbiamo dovuto sudare per conquistare i due punti. Il vantaggio che abbiamo preso nei primi due quarti è frutto di una difesa importante e attenta soprattutto nell’uno contro uno. Nel terzo quarto abbiamo avuto un
black-out che ha dato un vantaggio agli ospiti. Il nostro merito è non aver perso la lucidità soprattutto nell’ultimo quarto che ci ha permesso di gestire il finale fino alla vittoria».