Nota Alma Patti: “La sportività non viene meno con la pandemia”

Marta Verona (foto Sara Tumeo)

Alma Patti Basket in tutte le sue componenti stigmatizza quanto accaduto ad inizio, durante e al termine della partita giocata contro Bottega del Tartufo Umbertide.

Senza mettere in nessun modo in dubbio il giusto risultato maturato al termine della partita, non sono in alcun modo accettabili le offese rivolte ad alcune delle tessere Alma Patti da parte del pubblico presente al PalaMorandi.

Pubblico per l’appunto, e non può essere definita altrimenti la cornice di persone sedute sugli spalti del palazzetto con tanto di trombette. Così come era alla stregua del tifoso la voce che durante la cronaca della gara si é intesa distintamente dopo il tecnico fischiato a coach Mara Buzzanca.

La sportività non viene meno con la pandemia.

Così come il rispetto per tutte le tesserate – atlete professioniste – da parte di chi ha il privilegio di assistere oggi ad una gara di campionato dal vivo.

Per inteso all’interno di un palazzetto che dovrebbe, di norma, essere aperto solo ai membri dello staff.
Motivo per cui ci Alma Patti si augura le offese alle nostre atlete siano arrivate da figure estranee all’entourage della Pallacanestro Femminile Umbertide.