SERIE D. La Braciera Palermo si rialza vincendo a Marsala 76-70

Vittoria di incalcolabile importanza quella colta da La Braciera Palermo sul caldissimo campo di Marsala, dove i rosanero di coach Vallesi hanno battuto i padroni di casa della Medipower per 70-76.

Parziale in avvio per gli ospiti, che decono rinunciare a Melone infortunato, ma che ritrovano Benvegna e Calò, salutando l’esordio tra le proprie fila anche dell’esperto Enrico Vaccaro, da mesi aggregato per gli allenamenti e tesserato in settimana. La risposta di Marsala non si fa attendere, e grazie alle triple di Dosen e Cucchiara da un lato e di Trevisano dall’altro le due squadre chiudono a contatto i primi 10’ (21-19). Il gioco riprende e Pizzo si accende per i trapanesi, ingaggiando un vero e proprio duello con un Calò in serata di grazia. Paternò muove la retina con la specialità della casa, la bomba piedi per terra, ma gli extra possessi per Marsala si sprecano, nonostante Vaccaro faccia sentire subito la sua presenza in trincea. Al riposo si va sul 38-34 per i locali.

Il rientro in campo dagli spogliatoi di Marsala è terrificante: tre triple di fila di Pizzo, una di Cucchiara, mazzate che spezzerebbero morale e schiena di qualsiasi squadra in trasferta. I rosanero, però, di orgoglio ne hanno fin troppo e sotto di dodici sul tabellone rispondono ancora con Calò da oltre l’arco (34 alla fine per lui), Trevisano che dichiara guerra all’intera difesa marsalese e capitan Cuccia che s’inventa la tripla praticamente sulla sirena che porta avanti i palermitani 56-58 all’alba degli ultimi 10’ di gioco. La Medipower Marsala accusa il colpo, anche troppo, abbandonando l’ottima collaborazione messa in campo fin lì per lasciare spazio alle sortite personali. La Braciera ne approfitta, colpendo i trapanesi dove fa più male: Calò è implacabile dalla distanza, i compagni combattono su ogni palla vagante, conquistando possessi e caricando di falli gli avversari. L’esperienza dei palermitani ha la meglio, con il match che si chiude sui liberi per gli ospiti.

Palermo che spezza la maledizione ‘trasferta’ vincendo per la prima volta geograficamente lontano da casa e interrompendo una serie negativa di tre sconfitte consecutive, aggiudicandosi inoltre la ‘prima’ del nuovo anno. Allontanata, dunque, la zona playout con un’altra prova di infinito orgoglio e forza mentale.

MEDIPOWER MARSALA – LA BRACIERA PALERMO
Parziali: 21-19, 38-34 (17-15), 56-58 (18-24), 70-76 (14-18)

Marsala: Cucchiara 12, Pizzo 20, Rappa 2, Dosen 7, Montalbano, M. Frisella 4, F. Frisella 3, Amato 20, Scirè 2, Marrone ne, Licari ne, Lombardo ne. All. Grillo

La Braciera: F. Micale, Audino 1, Leone 2, Benvegna 6, Vaccaro, G. Paternò 13, Calò 34, Cuccia 8, Chiri ne, Trevisano 12. All. Vallesi